La cometa Neowise

117842

COMETA NEOWISE

Butterò questo mio enorme cuore tra le stelle un giorno
Giuro che lo farò
E oltre l’azzurro della tenda nell’azzurro io volerò
(Francesco De Gregori)

Eh già, nel 2020 è possibile buttare il nostro cuore e il nostro sguardo tra le stelle, perché questo è anche l’anno della stella cometa. Si, proprio della stella con la coda.

Il suo nome è Cometa Neowise.

La cometa Neowise (acronimo di Near-Earth Object Wide-field Infrared Survey Explorer) sarà possibile osservarla fino ai primi di agosto, la sua posizione e la sua luminosità non saranno più tanto favorevoli a partire dal 23 luglio, ultimo giorno in cui potremo vederla ancora in tutto il suo splendore.

In moltissimi l’hanno già vista e fotografata da varie parti d’Italia. L’orario migliore per osservarla è quello compreso tra le 21:30 e le 23:00. Si consiglia, inoltre, di posizionarsi in una zona sopraelevata e lontana da luci artificiali, e naturalmente in condizioni di cielo sereno. Esistono addirittura delle App, come Sky Guide o Sky Walk, che permettono di cercare direttamente la cometa e anche di dirci dove sarà nel cielo all’ora scelta, ma se non si ha la possibilità di scaricarle, la direzione in cui guardare è a Nord-Ovest. Identificarla sarà abbastanza semplice cercando nel cielo la costellazione del grande carro. Neowise sarà visibile immediatamente al di sotto. Anche se si potrà osservare facilmente a occhio nudo, per vederla in tutto il suo splendore si consiglia l’utilizzo di un binocolo o di un piccolo telescopio, anche amatoriali. Si potrà essere testimoni di un evento unico, Neowise non solo è la cometa più luminosa osservata nei nostri cieli dopo Hale Bopp del 1997 ma non è una cometa periodica, il suo prossimo passaggio ravvicinato avverrà infatti tra ben 6800 anni.

Curiosità sul nome:
Il termine “cometa” viene dal greco κομήτης (kométes), che significa “chiomato”, “dotato di chioma”, a sua volta derivato da κόμη (kòme), cioè “chioma”, “capelli”, in quanto gli antichi paragonavano la coda di questi corpi celesti a una lunga capigliatura. (Wikipedia)

Curiosità sulla composizione :
Una cometa è un corpo celeste relativamente piccolo, simile a un asteroide composto da gas ghiacciati (acqua, metano, ammoniaca, anidride carbonica), frammenti di rocce e metalli. Nel sistema solare, le orbite delle comete si estendono oltre quella di Plutone. Le comete che entrano nel sistema interno, e si rendono quindi visibili dalla Terra sono frequentemente caratterizzate da orbite ellittiche. Sono composte per la maggior parte di sostanze volatili ghiacciate, come biossido di carbonio, metano e acqua, mescolate con aggregati di polvere e vari minerali. La sublimazione delle sostanze volatili quando la cometa è in prossimità del Sole causa la formazione della chioma e della coda.

Si pensa che le comete siano dei residui rimasti dalla condensazione della nebulosa da cui si formò il Sistema Solare: le zone periferiche di tale nebulosa sarebbero state abbastanza fredde da permettere all’acqua di trovarsi in forma solida (invece che come gas).

Buona visione!

Federica Rainaldi

La foto è del fotografo Mino Gelsomoro

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here