Intervista a Claudio Lippi, poliedrico artista e volto noto della TV italiana

209709

Claudio Lippi nasce a Milano il 3 giugno del 1945 è un cantante, produttore discografico e conduttore televisivo italiano.

Esordisce come cantante nei primi anni sessanta.

Nel 1972, esordisce in radio come conduttore radiofonico e quasi nell’immediato, come conduttore televisivo per alcune trasmissioni per la Rai.

Il suo curriculum artistico è vario. A solo titolo di esempio:
Ha recitato nei cine panettoni con la regia di Neri Parenti con Christian De Sica e Massimo Boldi.
Ha lavorato per Mediaset conducendo programmi come “Buona Domenica”, “Il pranzo è servito” … e tanti altri programmi.
La sua ultima presenza in televisione risale al 2020 su Rai Uno, quando con Elisa Isoardi ha co-condotto “La prova del cuoco”.

Claudio Lippi, artista a tutto tondo. Cantante, produttore discografico, attore, presentatore, un’icona della televisione Italiana. Com’era Claudio Lippi quando ha iniziato i suoi primi passi e chi è oggi?

La risposta può sembrare banale: ero, quando ho iniziato, un giovane di 19 anni con tanti sogni e tanta passione. Oggi sono un nonno, orgoglioso, di 78 anni con un po’ più di sogni e di passione.

Ha mai rinunciato ad un lavoro per amore?

Sinceramente non mi è mai capitata una situazione per cui abbia dovuto scegliere.

La televisione italiana da quando ha iniziato a viverla lei in prima persona si è completamente rivoluzionata.Come vede questa trasformazione?

La televisione ma anche la società sono profondamente cambiate in modo sincronizzato: qualcosa in meglio, altro in peggio.

Cosa pensa dei talent show?

I Talent sono una vetrina per nuovi talenti. Purtroppo ce ne sono solo due a livello nazionale: “Amici” e “X Factor”.

Di tutti i programmi condotti, qual è stato quello che lo ha emozionato? Quello che lo ha deluso? Quello che le ha lasciato qualcosa?

Mi si consenta di dare una risposta che è assolutamente sincera:i programmi sono come i figli: non si può fare una classifica…

Com’era Claudio Lippi quando lavorava in televisione e con chi aveva stretto un forte legame?

Per dovere di precisione, “al momento sono ancora vivo e ancora lavoro“. Certo ho rallentato la presenza televisiva perchè, crescendo, sono diventato più selettivo e mi sembra legittimo voler fare programmi che rispettino le mie scelte professionali fondate sul grande rispetto del pubblico. Credo sia condivisibile che quelli che vanno in onda siano tutti occupati e non c’è molta voglia per nuovi programmi. Comunque so aspettare e, nel frattempo, metto in atto progetti con i quali utilizzare l’esperienza nel comunicare acquisita in tanti anni.

Che progetti ha per il prossimo futuro?

Sono tempi, per tutti, molto complessi. Credo che sia meglio essere cauti e cogliere i momenti in cui sia possibile agire e non perdere tempo in progetti futuribili.

La ringrazio infinitamente per il tempo che mi ha dedicato. La redazione di ScrepMagazine e il direttore Giuseppe De Nicola la ringraziano e noi tutti la stringiamo in un forte abbraccio. Grazie

Clicca sul link qui sotto per leggere il mio articolo precedente:

Previous articleLe luci dei presepi riscaldano la Santa notte del Natale
Next articleIl vocabolario di latino
Antonia Flavio nasce a Cosenza il 01/06/1977 dove attualmente vive con la famiglia. Autrice di: "La mia vita i miei amori racchiusi in una poesia", "Echi del mare" e "Diario Bruciato" . Presente su Wikipoesia. L' 8 gennaio del 2020 è stata inserita nell' Albo D'oro dei Poeti, Scrittori ed Artisti Contemporanei Italiani di Cefalù Art. Inserita nell'Albo dei Poeti del comune di Lucito. Iscritta all'Albo dei Poeti e Scrittori italiani. Iscritta all'associazione Cenacolo Letterario Italiano città di Cefalù. Iscritta all' Accademia Mondiale della Poesia. Iscritta presso Associazione socio culturale "Club della poesia" città di Cosenza. Iscritta all'Associazione Culturale GueCI. Iscritta all'Associazione Culturale RDP di Messina. Iscritta ad Accademia Edizioni ed Eventi ETS di Roma. Autore su ScrepMagazine. Vincitrice di numerosi concorsi letterari.

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here