Il rituale del “Mundus Patet”

125746

É iniziato il countdown.

La notte più paurosa dell’anno è oramai alle porte.

È la notte delle lumere, dell’invasione di streghe e di scheletri, di tavole imbandite di zucche illuminate.

È la notte del dolcetto o dello scherzetto.

È la festa dei pipistrelli che corteggiano Selene nella sua misteriosa e affascinante pienezza.

Ma cosa c’entra tutto ció con il  Mundus Patet (il mondo è aperto)?

Presso gli antichi Romani esisteva una festa simile a quella di Halloween, ma con una finalità diversa.

Infatti lo  scopo era quello di esorcizzare gli spettri dei morti.

L’antica credenza voleva che tra il mondo dei vivi e quello dei defunti si potesse stabilire una sorta di comunicazione.

Il tutto accadeva già durante le celebrazioni dei “Parentali”, ma soprattutto nei giorni 24 Agosto, 5 Ottobre e 8 Novembre, i cosiddetti giorni del Mundus Patet.

I tre “dies” religiosi erano considerati nefasti, perché segnati da cattivi presagi.

In questi giorni era preferibile non intraprendere alcuna attività, persino di avere intimità con il proprio coniuge per procreare.

Il Mundus Patet si trovava nel Santuario della dea Cerere consacrato agli dei Mani.

Esso era il regno della Madre Trina Cerere, di sua figlia Proserpina, Hecate e del Signore dell’Ade.

In questo luogo, in occasione di tali tre ricorrenze magiche, veniva aperta una fossa a forma di utero rovesciato, delimitata da due assi disposti a forma di croce (Cardo e Decumano) e coperta da lastre di pietra.

Spesso si offrivano doni (cereali, primizie), odi e formule incise su tavolette di pietra e argilla del proprio paese di origine, affinchè i morti non finissero nel regno dei vivi e viceversa.

Si correva infatti il rischio che il Mundus potesse attirare le anime dei vivi verso l’Aldilà.

Ritengo che a distanza di millenni il Mundus Patet eserciti un certo fascino e stimoli il nostro immaginario.

Ma forse fa anche un po’ paura.

Stavo giusto riflettendo sul fatto che il giorno 8 Novembre è ormai prossimo e si annuncia con tutto il suo carico di ansia, se ci soffermiamo brevemente sulle notizie suddette.
Beh, in questi casi un pizzico di superstizione ci potrebbe pure stare. Io ce l’avrei… e voi?

Piera Messinese

Previous articleLa leggenda dell’arancio
Next article“a tu per tu con…” Letizia Caiazzo
Sono nata il 13 Novembre del 1966 a Lamezia Terme, in Calabria, ove risiedo. Sono sposata ed ho una figlia. Se dovessi scegliere un attributo che possa caratterizzarmi, questo sarebbe “eclettica”. Sono “governata da uno spirito fortemente versatile” che mi dà energia, per cui mi sento letteralmente assetata di nuovi stimoli. Sono innamorata della scrittura da sempre e la mia formazione classica ha contribuito a mantenere vivo in me tale sentimento. Grazie alla passione per i classici latini e greci in primis ed in seguito agli studi universitari in Medicina e Chirurgia, ho potuto rendere creativa la mia elasticità mentale. Ma “illo tempore fu il Sommo” a rubarmi il cuore e così “Galeotta fu la Divina". Amo, quindi, leggere e scrivere e ritengo che ciò sia fondamentale per la crescita di ogni individuo. Flaubert diceva: _”Non leggete, come fanno i bambini, per divertirvi o, come fanno gli ambiziosi, per istruirvi. No, leggete per vivere.”… Sono Socia Fondatrice di “Accademia Edizioni ed Eventi”, Associazione culturale con sede a Roma che si occupa di cultura e di promuovere il talento. Scrivo su SCREPmagazine, rivista dell'Associazione, su cui curo varie rubriche.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here