I laghi rosa nel mondo

140228

Nel Senegal esiste un luogo magico: il lago Retba a Nord est di Dakar.

Acque colorate, si ipotizza, grazie alla presenza di un’alga (la Dunaliella)  le cui membrane contengono un batterio e alcuni pigmenti  che regalano questo aspetto rosso-rosato particolare.

Una visione unica, con affascinanti giochi di luce all’incontro dei raggi del sole sull’acqua rosea.

Ma l’Africa non è l’unico continente a vantare la presenza di questo fenomenale spettacolo della natura.

Spostandoci in Australia troviamo il celebre Lago Hillier; situato in un’isola dell’arcipelago Recherche, visto dall’alto è sicuramente un bel colpo d’occhio. La Natura che lo circonda insieme al mare blu cristallino rende un effetto chewing-gum davvero sorprendente.

Nello stesso continente il Pink Lake rappresenta un’area bellissima da visitare e da preservare, di enorme importanza quale ecosistema insostituibile per molte specie animali.

In Canada rinomato è invece il Dusty Rose  Lake; circondato da rocce particolari responsabili del colore roseo, è rinomato per essere l’unico lago rosa di acqua dolce.

La Spagna  dal canto suo, può vantarsi della presenza  dei due laghi salati più grandi d’Europa. Le due saline de Torreveja e de la Mata, due luoghi che contano un ampio movimento turistico.

Anche in Italia troviamo un luogo che si avvicina a creare l’effetto di questi rinomati luoghi del mondo: passando accanto alle saline di Cervia, in alcuni momenti l’acqua sembra proiettare degli affascinanti effetti colorati.

Luoghi misteriosi e magici per molti abitanti originari di questi paesi per lo più lontani, custodi dei segreti meccanismi e giochi che solo la Natura può creare e, in parte, spiegare.

“Piccole donne” di Greta Gerwig

Previous articleL’anima verde
Next articleIl mistero di Villa Fortuna (Parte 37)
Sono Sandra Orlando, mamma di Anna e Andrea, laureata in Lingue e insegnante. Faccio parte dell'Associazione Accademia e collaboro come Editor a SCREPmagazine. Dal 2020 Sono redattrice ed Editor nella redazione della rivista di Cinema Taxidrivers per cui ho ricoperto il ruolo di Programmatrice e Head of editorial Contents . Amo la letteratura, il cinema, la musica ed in genere tutto ciò che di artistico “sa dirmi qualcosa”. Mi incuriosisce l'estro dell'inconsueto e il sorriso genuino dell'umiltà intelligente.  Scrivere fa parte di me. 

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here