Gustav Klimt (parte terza)

133478

Clicca per leggere la parte seconda:

Gustav Klimt (parte seconda)

GUSTAV KLIMT (parte terza)

“Il Bacio”

Olio su tela, cm 180 x 180.

Vienna, Österreichische Galerie Belvedere

“Il Bacio” è il dipinto più noto di Gustav Klimt.

Fu realizzato nel 1908, cinque anni dopo il viaggio in Italia del pittore austriaco a Ravenna.

Nel dipinto, il fondo è in foglia d’oro e fu ispirato dalle tessere dei mosaici bizantini di Ravenna.

È il “Periodo aureo” di Klimt, che raggiunge la sua massima espressione proprio con questa opera.

Perché, dopo il suo viaggio in Italia, la tavolozza di Klimt si arricchisce di un prezioso metallo steso in moltissime varianti mischiato al colore: l’oro.

Interessante anche notare, sicuramente inusuale per l’artista, che per quest’opera Klimt sceglie un formato perfettamente quadrato, 180 cm x 180 cm, che gli permette di inserire i protagonisti al centro della scena.

“IL BACIO”

Klimt rappresenta due amanti stretti l’uno all’altro, mentre si abbandonano a un bacio appassionato in un grande spazio astratto.

L’uomo teneramente avvolge la donna con le sue mani chinandosi sul volto di lei dall’alto.

I due amanti indossano tuniche decorate come mosaici e sono inginocchiati su di un prato punteggiato di fiori gialli e viola.

La giovane ha il viso reclinato di lato e poggiato sulla sua spalla sinistra.

Ha gli occhi chiusi e stringe la mano del suo amante, di cui si nota solo il profilo.

Si abbandona all’estasi del momento mentre l’uomo le dà un bacio delicato, ma intenso, il volto della donna è chiaro e arrossato leggermente sulle gote.

La sua espressione è serena ed estatica.

Tra i capelli vi sono alcuni fiori che decorano la capigliatura, mentre il corpo è avvolto in una veste attillata che lascia scoperte le spalle e le gambe dal polpaccio fino ai piedi.

Infine per dare profondità e calore alla composizione, Klimt gioca con i contrasti di toni e di colore, insieme a un convincente uso di motivi geometrici e floreali.

CONCLUDENDO:

Le due figure denotano sesso e personalità opposte, ma si integrano proprio nel momento del bacio.

È la vita che sboccia intorno a loro, simboleggiata dal manto erboso particolarmente colorato e rigoglioso.

È la conclusione di un quadro capolavoro di Klimt che si fa specchio della passione e del momento dell’innamoramento fisico ed emotivo, in cui due amanti diventano un corpo solo.

Bruno Vergani

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here