Fuori dalla finestra

124886

Condensa di malinconia appanna la finestra

che s’affaccia sul cuore,

con un dito scrivo le promesse fatte al destino…

Riccioli di pensieri coprono il sole,

nel cielo manca un tassello per completare l’amore.

La luce diventata grigio perla illumina la nostra mancanza.

Nel tempo non si placano i respiri perduti,

vivono dentro inverni che viaggiano nell’illusione,

vogliono i colori di speranze fatte di cartapesta…

Scelgo di non capire il senso dell’amare,

la vita è breve per dimenticare.

Scivolano le gocce sopra i vetri ormai asciutti.

Quanto costa un sussulto o la spremuta di un pianto

è la mia unica domanda.

 

Previous articleMa quanto è attuale il Don Chisciotte…
Next articleGiacomo Balla (parte terza)
Sono Giuseppe Gaudino, lavoro come operatore socio- sanitario presso un centro per diversamente abili. Il mio percorso letterario prende ispirazione dalla malinconia che circonda qualsiasi forma d’amore, quando l’energia vitale che il dolore infonde nell’anima diventa la strada per rinascere e giungere alla propria serenità interiore. Amo scrivere. Ho pubblicato un libro di poesie dal titolo “Se perdi il filo segui il cuore “, arrivato al secondo posto della IXa edizione 2020 del Premio Letterario Nazionale "Un libro amico per l’inverno". Con grande soddisfazione una mia poesia - "Destino senza meta" - è risultata vincitrice del Premio di Poesia e Narrativa “Città di Arcore 2019”.

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here