“Absinthium” di Pino Gaudino

124555

Lungo la strada del respiro inciampo

su un sorriso,

cado e nel cielo si apre uno squarcio …

Chiassosi coriandoli d’abbracci,

si buttano a capofitto,

afferrano ogni paura e liberano dalla prigione

l’ultimo assenzio.

La fata verde è rinata,

questa volta la voglio bere,

maledetto devo rimanere…

Poesia sei la mia vita,

da una notte a un’altra notte mi trascini,

lotte tra follie e brividi d’amore,

scrivi nel mio petto con le unghie.

Il bacio rubato con l’amore di un poeta un po’ bugiardo,

è il sapore di un nuovo mattino.

“Il tempo alla rovescia di Pino Gaudino

Previous articleThe Midnight Sky: George Clooney ultimo uomo sulla Terra
Next articleGiacomo Balla (parte prima)
Sono Giuseppe Gaudino, lavoro come operatore socio- sanitario presso un centro per diversamente abili. Il mio percorso letterario prende ispirazione dalla malinconia che circonda qualsiasi forma d’amore, quando l’energia vitale che il dolore infonde nell’anima diventa la strada per rinascere e giungere alla propria serenità interiore. Amo scrivere. Ho pubblicato un libro di poesie dal titolo “Se perdi il filo segui il cuore “, arrivato al secondo posto della IXa edizione 2020 del Premio Letterario Nazionale "Un libro amico per l’inverno". Con grande soddisfazione una mia poesia - "Destino senza meta" - è risultata vincitrice del Premio di Poesia e Narrativa “Città di Arcore 2019”.

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here