Passo dopo passo,

un ritmo creduto perso,

riempie con il suo sound,

lo stridio di giorni vuoti…

Finalmente il filosofare della nostalgia,

trova un nuovo sale che trasuda vita

da assaporare.

Questa musica batte il tempo,

entra nel respiro e al cuore

toglie ogni tormento,

strattonato sulla spiaggia è inondato

di mille baci…

La fantasia alleatasi con la luce del tuo viso,

riempie il vento e il mondo porta il tuo sorriso.

Scatto la prima fotografia e i colori

si riaccendono dentro il mio arcobaleno…

Ogni istante scrive un pezzo d’eternità

dentro i grappoli della mia memoria.

Articolo precedenteVorrei fare due chiacchiere “alla femminina”
Articolo successivoGiacomo Balla (parte quinta)
Pino Gaudino
Sono Giuseppe Gaudino, lavoro come operatore socio- sanitario presso un centro per diversamente abili. Il mio percorso letterario prende ispirazione dalla malinconia che circonda qualsiasi forma d’amore, quando l’energia vitale che il dolore infonde nell’anima diventa la strada per rinascere e giungere alla propria serenità interiore. Amo scrivere. Ho pubblicato un libro di poesie dal titolo “Se perdi il filo segui il cuore “, arrivato al secondo posto della IXa edizione 2020 del Premio Letterario Nazionale "Un libro amico per l’inverno". Con grande soddisfazione una mia poesia - "Destino senza meta" - è risultata vincitrice del Premio di Poesia e Narrativa “Città di Arcore 2019”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui