Fragile, giovane cantautore calabrese, alla finalissima del Cantagiro

218655

È con piacere che incontro nuovamente un giovane cantautore della mia città. Gennaro Nicolazzo, il suo nome d’arte è Fragile, è reduce della partecipazione alla finalissima del Cantagiro, concorso musicale che da più di 60 anni ha dato modo a decine di artisti ancora in auge a farsi conoscere dal pubblico.

Ho seguito la finalissima anche io e mi sono emozionata vedendo Fragile su quel palcoscenico. Lo incontro al suo ritorno per raccontare la sua esperienza.

1) Ho seguito la tua partecipazione alla finalissima del Cantagiro a Fiuggi. Mi racconti la tua esperienza?

Inizio col dire che è il primo anno che partecipo al Cantagiro e posso dire che è stata un esperienza stupenda da rifare sicuramente, ho provato mille emozioni diverse, Sorrisi, pianti, ansie, e tanto calore familiare da parte dello staff e dell’organizzazione ma soprattutto da parte degli altri artisti, l’essere arrivato in finalissima lì su quel grande palco e l’essermi esibito davanti a giudici di grande spessore è stata un emozione unica, voglio raccontare un momento che ho vissuto di molta ansia e felicità allo stesso tempo, era partito tutto dall’idea di portare il mio brano in acustico solo piano e voce finché il giorno della partenza decidiamo insieme a un mio carissimo amico Davide di completare il pezzo con tutti gli altri strumenti, una volta girato tutto a lui iniziò a lavorare sulla base e mi ha fatto attendere con ansia fino alla notte prima della finale, quando alle 03:30 mi arrivò l’email da parte sua con la canzone finita, io per tutto il resto del tempo ero a girovagare per l’hotel con l’ansia di ascoltarla ma allo stesso tempo ero un sacco felice perché con lui ci siamo conosciuti ad un altro contest e abbiamo legato tantissimo, ci siamo sempre per qualsiasi cosa l’uno per l’altro e mi fidavo al 100% di come sarebbe uscito il prodotto finale perché era come se lo stesse facendo per lui… e anche se non mi sono classificato al primo posto penso sia già stata una grande vittoria, sia perché una persona per me importante mi ha aiutato con la creazione di questo pezzo ma per di più ho avuto le mie gratificazioni che col passare dei giorni vedrete attraverso le mie storie Instagram, vi dico solo che sono stato contattato da varie persone tra cui radio, TV, e Produzioni, ma vi aggiornerò col passare dei giorni, ma soprattutto il vedere un ragazzo di nome Andreas con cui ho legato in questa edizione del Cantagiro emozionarsi per la mia canzone, penso che questa sia stata una delle cose più belle che potesse portarmi questo Concorso.

2) Hai avuto modo di confrontarti e conoscere giovani che come te si approcciano al mondo musicale. Come ti sei trovato con loro?

Beh come ho detto anticipatamente si è creata una grande famiglia, ho conosciuto persone con cui ho legato tantissimo in poco tempo soprattutto 2 artisti che sono Fred e Gianni, che sono stati parte integra di questo mio percorso, ci siamo dati forza a vicenda per ogni cosa e dato una spalla quando ne avevamo bisogno, e sono veramente felice che il nostro rapporto è rimasto uguale anche dopo il concorso, ho avuto anche modo di condividere tanti momenti con loro tra cui: Serate a suonare e cantare tutti insieme con I 2 chitarristi affermati delle nostre serate Rocco ed Elena.
Momenti dove ci bastava un pò di musica di sottofondo e passavamo intere notti a parlare delle nostre esperienze artistiche progetti e anche dei nostri modi di vedere la vita.
Insomma posso dire che ho passato intere giornate sempre con loro da quando ci svegliavamo a quando andavamo a dormire, “quando andavamo” da specificare perché ogni notte dicevamo di andare a letto presto e poi si facevano le 4 ed eravamo ancora sul divano dell’hotel Universo a chiacchierare, e tra l’altro in una di queste giornate lì a Fiuggi ho avuto l’ispirazione per iniziare a scrivere un nuovo pezzo e ho scoperto la sintonia che si è creata subito con Gianni e tra una nota e l’altra abbiamo progettato una collaborazione su un pezzo, che è iniziato lì e sta continuando a prodursi anche a distanza in video call…

3) Hai mai pensato di far parte di una band?

Ho già fatto parte di una band in passato ma poi dopo anni ho deciso di proseguire il mio percorso artistico da solista…
Ma sono rimasto in ottimi rapporti con loro magari in un futuro chi lo sa.

4) Mi parli della canzone che hai presentato al Cantagiro?

La canzone che ho presentato è un pezzo pop intitolato: Ti racconto un sogno.
Di cui la base è stata fatta inizialmente solo con piano e voce, presso lo studio Yara record di Ranieri Lucio, e poi arrangiata col resto degli strumenti e prodotta infine da Davide Colavalle…
Questo brano racconta appunto la storia di un amore finito, e tutte le sfaccettature che lo accompagnano come la nostalgia, l’accettazione della delusione, e la determinazione nell’andare avanti.
Il tutto racchiuso nella fragilità di un cuore rotto che nonostante tutto continua a dare un senso di protezione a questo amore e lo si può cogliere attraverso la frase: “e se tutto va storto e abbiamo il mondo contro, tu stringimi forte che ti racconto un sogno”.

5) Hai altri progetti in questo momento?

Si ho già prodotto altri pezzi non ancora pubblicati, e ho un album in cantiere…
Ma spoiler che voglio dare ho anche alcune collaborazioni che sto facendo con altri artisti fantastici, che non vi svelerò per ora.

6) Come ti immagini nel tuo futuro?

Per essere sincero, immagino di proseguire col mio sogno che è la musica, magari con già qualche album alle spalle pubblicato e con la fame e la voglia di spingere in questo mondo, ma soprattutto di crescere e migliorarmi sempre più sia a livello personale che artistico, magari riuscendo a far ascoltare la mia musica e il mio messaggio su un panorama musicale sempre più ampio.

Grazie per la disponibilità che dimostri ogni volta nei miei confronti. Sono sicura che a breve ci rivedremo con tante novità.

Angela Amendola

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here