Fiammetta, la Heidi del lockdown…

145874

Questa è la storia di una bambina speciale che in questi giorni ha meritato di avere un posto in prima fila sulle pagine dei notiziari televisivi e dei giornali mentre il suo tenero faccino faceva il giro del web in poche ore.

Ma cosa avrà di singolare questa bambina di soli 10 anni di nome Fiammetta Melis, chiamata la “Heidi del lockdown” ?

Beh, non so a voi, ma a me già piace da morire il suo nome.

Questa dolcissima ragazzina frequenta la quarta elementare di Mezzolombardo.

Sua mamma, impegnata al lavoro, non può permettersi il lusso di lasciare la sua bimba a casa a causa del lockdown, per cui la soluzione più opportuna si è rivelata quella di affidare Fiammetta al suo papà per tutta la mattinata.

Massimiliano è un pastore di origini sarde che possiede una mandria di 350 capre che porta a pascolare tutti i giorni in Val di Sol.

E Fiammetta, munita della sua pesante felpa, col cappellino di lana verde e bianco, grazie a un piccolo tavolino siede dinnanzi al suo PC per iniziare la sua giornata scolastica in dad.

Ma non si trova come tante sue coetanee al calduccio della stanzetta con il termosifone acceso, con un bicchiere di latte e qualche biscotto a portata di mano.

No, lei è in un luogo meraviglioso: a 1000 metri di altezza.

E così, mentre ascolta la sua lezione di storia, può capitare che passi una capretta e la saluti o che il papà abbia bisogno per pochi minuti del suo aiuto.

E lei, studente diligente e ubbidiente, in questo paradiso della natura dimostra di essere non solo una ragazza virtuosa, ma di avere anche un grande spirito di adattamento.

E allora accade che, mentre in diverse piazze italiane ci sono studenti che protestano contro la dad, Fiammetta non ci pensa neppure per un attimo ad abbandonare le sue montagne, le sue caprette e il suo PC.

Perché lei ha trovato la sua dimensione in questa distesa di monti incontaminati e animali da pascolo.

Diciamolo chiaramente che per Fiammetta la dad è stata un successo.

Al mattino mettiamo il computer su un tavolino in piano e poi ho anche una sedia. Accendiamo il computer così posso entrare subito in video lezione, preparo i quaderni e ci metto anche un sassolino altrimenti il vento mi gira le pagine. È bello, mi dà ispirazione per scrivere e mi rende più felice e anche interessata”.

La storia di Fiammetta ci dimostra che anche a 10 anni si può avere la maturità di affrontare un disagio, perché fare lezione in dad – è vero – non è come farla in presenza ma si può anche sviluppare una disponibilità all’adattamento per cui una lezione a distanza può diventare gratificante e originale.

Perché cosa c’è di più bello che fare lezione a 1000 metri di altezza sotto un cielo terso e il verde del prato che colora di speranza la mente e il cuore? 

Piera Messinese

Per leggere il mio articolo precedente clicca sul link:

18 Marzo: giornata nazionale in memoria delle vittime dell’epidemia da Coronavirus

Previous articleIl senso di non appartenenza
Next articleIl mistero di Villa Fortuna (Parte 40)
Sono nata il 13 Novembre del 1966 a Lamezia Terme, in Calabria, ove risiedo. Sono sposata ed ho una figlia. Se dovessi scegliere un attributo che possa caratterizzarmi, questo sarebbe “eclettica”. Sono “governata da uno spirito fortemente versatile” che mi dà energia, per cui mi sento letteralmente assetata di nuovi stimoli. Sono innamorata della scrittura da sempre e la mia formazione classica ha contribuito a mantenere vivo in me tale sentimento. Grazie alla passione per i classici latini e greci in primis ed in seguito agli studi universitari in Medicina e Chirurgia, ho potuto rendere creativa la mia elasticità mentale. Ma “illo tempore fu il Sommo” a rubarmi il cuore e così “Galeotta fu la Divina". Amo, quindi, leggere e scrivere e ritengo che ciò sia fondamentale per la crescita di ogni individuo. Flaubert diceva: _”Non leggete, come fanno i bambini, per divertirvi o, come fanno gli ambiziosi, per istruirvi. No, leggete per vivere.”… Sono Socia Fondatrice di “Accademia Edizioni ed Eventi”, Associazione culturale con sede a Roma che si occupa di cultura e di promuovere il talento. Scrivo su SCREPmagazine, rivista dell'Associazione, su cui curo varie rubriche.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here