“Eucarestia, autostrada per il Paradiso”

125054

È un venerdì sera, nella Chiesa di San Benedetto, è l’inizio di una rarefatta emozione, l’Adorazione Eucaristica, un momento profondo di riflessione, un ritrovarsi con la propria coscienza di fronte allo specchio della propria anima, scorrono vite, si spengono, almeno per un’ora le sirene e i rumori che tanto tormentano il nostro cuore.

Don Domenico di fronte al Santissimo è strumento di preghiera e guida la sinfonia di musica e parole, parole del Beato Carlo Acutis, questo giovane che ti stupisce e ti rapisce per la profondità e la maturità spirituale raggiunta ad appena quindici anni.

La certezza di Dio, la costanza nell’ amore, la frequentazione dello Spirito come abito naturale non è una facile impresa, eppure nel Beato Carlo tutto ciò avviene in modo semplice e naturale: Dio prima di tutto, alzare lo sguardo verso il Cielo, la sana ambizione di conquistare il Paradiso attraverso l’Eucarestia, la consapevolezza che l’incontro con il Signore sia il punto più alto del pensiero umano che può trasformarsi in atto concreto, Ascolto e Preghiera.

Il tempo terreno sembra lontano come lontani sembrano gli affanni quotidiani.

Dentro la Chiesa momenti di pura elevazione è come se coprissero con un velo le miserie di tutti noi umani, le fragilità e le poche o forzate virtù.

Un venerdì sera, una grande chiesa, Carlo Acutis, un sacerdote e alcuni fedeli, un senso all’esistere, notti che possono far meno paura, squarci di luce in un cielo cosparso di gabbiani tra nubi rossastre come foglie d’autunno e macchie di oro e turchino.

Tommaso Cozzitorto

Clicca il link qui sotto per leggere la mia riflessione scorsa:

“La Chiesa di San Benedetto” di Tommaso Cozzitorto

 

Previous article“Ti aspetto nei miei sogni” di Grazia Bologna
Next articleDacci oggi il nostro pane… fatto in casa
Sono nato a Salerno, ho trascorso la mia infanzia a Sapri e vivo a Lamezia Terme dall'età di dieci anni. Laureato in Lettere moderne ad indirizzo filologico-letterario presso l'Università di Salerno con una tesi dal titolo "Cesare Beccaria e il dibattito sulla pena di morte" discussa con il prof. Valentino Gerratana. Abilitato all'insegnamento in materie letterarie, filosofia e storia, storia dell'arte, insegno Italiano, Storia e Geografia nella scuola secondaria di primo grado. Mi occupo anche di critica letteraria e di arte attraverso conferenze e presentazioni di libri. Ho scritto prefazioni a romanzi e saggi, collaboro al mensile "Lamezia e non solo" da diversi anni. Sono stato protagonista nella trasmissione televisiva Confidenze Culturali ed ho presentato la rubrica "Imagine" su Ermes TV. Per dieci anni ho curato la rassegna "DiMartedìCulturando" in un noto locale di Lamezia Terme. Ho fatto parte della Commissione Calabria "Premio la Giara" indetto dalla RAI. Ho pubblicato due libri: Palcoscenico e Along the way. Nel 2011 ho ricevuto il "Premio Anthurium" città di Lamezia Terme e successivamente il "Norman Academy" a Roma, entrambi per meriti culturali. Ho ricevuto nel dicembre scorso un riconoscimento dal Liceo Scientifico Galilei di Lamezia Terme nell'ambito del Festival della Scienza. In ambito prettamente scolastico sono stato Valutatore ed esperto in PON e POR.

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here