Emilio Gola (terza e ultima parte)

154357

Clicca sul ,ink qui sotto per leggere la parte precedente:

Emilio Gola (terza e ultima parte)

“Ritratto della contessa Gola”

Olio su tela cm 98.5 x 67

Milano, collezione privata.

Questo mirabile ritratto, che aprì la strada della notorietà al pittore, è sicuramente uno dei più significativi dell’attività artistica di Emilio Gola.

Fu esposto al Salon di Parigi nel 1882 e premiato con la medaglia d’argento e la medaglia d’oro all’esposizione di Monaco di Baviera.

“RITRATTO DELLA CONTESSA GOLA, MADRE DELL’ARTISTA”

Il dipinto, come si evince dal titolo, raffigura la contessa seduta su una poltrona a strisce giallo-verde.

La madre del pittore è nel salotto di casa immersa nella penombra della stanza attraverso un calibrato uso dei colori che scandiscono melodicamente i momenti di luce.

La madre indossa, in tutta la sua raffinata bellezza e nella semplice ma ricercata eleganza, un abito nero che colpisce e attrae.

Questo ritratto mostra anche la solidità della pittura di Emilio Gola e fa comprendere con quanto amore egli cerchi di penetrare nell’animo della persona riprodotta e con quanta passione tenti di esprimerne il sentimento che riluce negli occhi, nel lieve sorriso della bocca, nella pastosità della carne e nella fusione morbida delle tinte.

Nel quadro alla madre si nota inoltre una particolare predilezione del pittore per le tonalità scure e soprattutto per il nero, su cui però crea giochi di luce di grande effetto che trasformano queste tonalità cupe in colori intensi dalle tinte brillanti.

CONCLUSIONE:

Le figure femminili dipinte da Gola al centro dello spazio pittorico non appaiono mai piccole o ridotte: è anzi la figura stessa che fa ambiente ed atmosfera.

Le signore che egli ritrae non posano come farebbero davanti al fotografo o ad un ritrattista patentato.

Nel loro atteggiamento riposato, emanano l’elegante profumo della loro femminilità avvicinandosi molto ai ritratti parigini di Giovanni Boldini.

Bruno Vergani

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here