Edward Lear. Cronache di un viaggio a piedi nella Calabria del 1847.

204110

Una breve chiacchierata con Raffaele Gaetano che torna a occuparsi di Lear in un libro appassionante.

«Edward Lear. Cronache di un viaggio a piedi nella Calabria del 1847»

PM – Dopo il grande successo di critica di “Per la Calabria Selvaggia” (Matthew Bevis dell’Università di Oxford lo ha definito «Superbo») torni ad occuparti di Edward Lear, certamente uno degli autori da te più amati. Cosa aggiunge questo tuo nuovo libro dal titolo “Edward Lear. Cronache di un viaggio a piedi nella Calabria del 1847″ (Laruffa) agli studi su Lear”?

https://www.ibs.it/edward-lear-cronache-di-viaggio-libro-raffaele-gaetano/e/9788872217047

RG – Dopo aver portato alla luce a Liverpool ben 109 disegni messi in cartella dal grande artista durante il suo viaggio in Calabria e aver pubblicato “Per la Calabria selvaggia” che li raccoglieva in edizione critica, avvertivo l’esigenza di raccontare passo passo il tour di Lear nello specchio dei personaggi e delle famiglie con le quali entrò in contatto. Il che non era scontato, atteso che sull’argomento, fomentati dalla fantasia galoppante dell’artista, circolano una serie di luoghi comuni privi di riscontro. Un complesso lavoro di ricostruzione archivistica durato anni che ora raccoglie i suoi frutti.

PM – Tutto parte dalla tua conoscenza profonda e originale di uno dei capolavori di Edward Lear, i “Giornali di viaggio in Calabria e nel Regno di Napoli”, del 1852. Perché si tratta di un’opera tanto decisiva nella letteratura di viaggio?

RG – Ti rispondo con Giuseppe Isnardi, che di Edward Lear è stato uno studioso accurato e quasi maniacale, il quale considerava i “Diari di viaggio in Calabria e nel Regno di Napoli” la più «notevole opera di tutta la letteratura turistica sulla Calabria nella prima metà dell’800», documento essenziale per penetrare la regione attraverso lo sguardo di un «forestiere» poco incline a lasciarsi narcotizzare dai luoghi comuni.

PM – E la tua scrittura?

RG – Cerca di essere sempre densa e incalzante, il che mi ha aiutato a ricostruire con lucidità lo zigzagare squinternato e picaresco dell’artista nell’antico Bruzio ospite di nobili eruditi, borghesi industriosi, autorità devote, religiosi anchilosati nel ruolo di lacchè, plebi anonime ridotte al ruolo di comparse di una rigida liturgia.

PM – Insomma, un libro indispensabile per chiunque ami e studi la letteratura di viaggio. Ma con quale spirito il lettore deve accostarsi alla lettura di “Edward Lear. Cronache di un viaggio a piedi nella Calabria del 1847”?

RG – Con lo spirito di chi è disposto a stupirsi. Perché si tratta di un’indagine minuziosa durata anni per la quale è richiesto al lettore uno sforzo emotivo, una partecipazione che si dispieghi negli interstizi del testo accendendo curiosità per un personaggio sempre pronto a colpire i luoghi comuni, le figure ipocrite, le banalità paludate.

Grazie, Raffaele per questa chiacchierata. Sono sempre felice di ospitarti sul blog di ScrepMagazine.

Piera Messinese

Clicca sul link qui sotto per leggere il  mio articolo precedente:

Previous article“Un libro sotto l’ombrellone”… Il Rosso e il Nero: amour fou e ragione
Next articleEclissi totale del cuore
Sono nata il 13 Novembre del 1966 a Lamezia Terme, in Calabria, ove risiedo. Sono sposata ed ho una figlia. Se dovessi scegliere un attributo che possa caratterizzarmi, questo sarebbe “eclettica”. Sono “governata da uno spirito fortemente versatile” che mi dà energia, per cui mi sento letteralmente assetata di nuovi stimoli. Sono innamorata della scrittura da sempre e la mia formazione classica ha contribuito a mantenere vivo in me tale sentimento. Grazie alla passione per i classici latini e greci in primis ed in seguito agli studi universitari in Medicina e Chirurgia, ho potuto rendere creativa la mia elasticità mentale. Ma “illo tempore fu il Sommo” a rubarmi il cuore e così “Galeotta fu la Divina". Amo, quindi, leggere e scrivere e ritengo che ciò sia fondamentale per la crescita di ogni individuo. Flaubert diceva: _”Non leggete, come fanno i bambini, per divertirvi o, come fanno gli ambiziosi, per istruirvi. No, leggete per vivere.”… Sono Socia Fondatrice di “Accademia Edizioni ed Eventi”, Associazione culturale con sede a Roma che si occupa di cultura e di promuovere il talento. Scrivo su SCREPmagazine, rivista dell'Associazione, su cui curo varie rubriche.

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here