DELL’ETERNO AMORE

Un giorno qualunque,
mentre il destino
sarà impegnato
a prendersi gioco
dell’universo farlocco,
io e te siederemo con letizia
sul trono sacro dell’eterno amore.

E sarà allora che mi spettinerai
con bonaria arroganza,
inanellando la mia folta chioma
sotto un cielo di settembre
incerto e intorbidito,
come se stessi tessendo
un arazzo pregiato ma sbiadito,
come se la fine dei giorni migliori
non dovesse coglierci mai.

E sarà allora che commettero’
qualsiasi peccato sia gradito
a te, a te soltanto,
poiché sono stanca di farmi
uccidere da questi strascichi
di pudore obsoleto ed amaro
che mi allontanano impietosi
da un desiderio incontenibile,
scalpitante, insensato e intransigente…

Terribilmente urgente!

Articolo precedenteSaltimbocca alla Romana
Articolo successivoChi è Vittoria Cipriani?
Maria Cristina Adragna
Siciliana, nasco a Palermo e risiedo ad Alcamo. Nel 2002 conseguo la Maturità Classica e nel 2007 mi laureo in Psicologia presso l'Università di Palermo. Lavoro per diverso tempo presso centri per minori a rischio in qualità di componente dell'equipe psicopedagogica e sperimento l'insegnamento presso istituti di formazione per operatori di comunità. Da sempre mi dedico alla scrittura, imprescindibile esigenza di tutta una vita. Nel 2018 pubblico la mia prima raccolta di liriche dal titolo "Aliti inversi" e nel 2019 offro un contributo all'interno del volume "Donna sacra di Sicilia", con una poesia dal titolo "La Baronessa di Carini" e un articolo, scritti interamente in lingua siciliana. Amo anche la recitazione. Mi piace definire la poesia come "summa imprescindibile ed inscindibile di vissuti significativi e di emozioni graffianti, scaturente da un processo di attenta ricerca e di introspezione". Sono Socia di Accademia Edizioni ed Eventi e Blogger di SCREPmagazine.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui