Per leggere la parte precedente clicca qui:

Credevo in te (Parte 19a) di Grazia Bologna

Luisella ascolta con attenzione la madre che con molto rammarico si confida, sperando in una parola di conforto.

La ragazza percepisce la sua vulnerabilità e si alza dal tavolo per abbracciarla.

A quel punto Ilaria scoppia in lacrime e le confessa che quell’uomo la turba talmente tanto, da desiderarlo.

Non riesce a comprendere come possa ancora pensarlo, dopo quel bacio irruento e indelicato.

Eppure quella notte non riesce a prendere sonno.

Rivive la scena del bacio e mentre prima ne era rimasta sconvolta, adesso si sente bruciare dentro.

Sente sulle labbra ancora il sapore dei baci di lui, quei baci che sembravano toglierle il fiato.

Ad un tratto si alza dal letto e si dirige nella camera di Luisella che, malgrado l’ora tarda, è ancora sveglia, intenta a scrivere.

Già! Luisella è sempre stata nottambula.

Sin da bambina ha amato raccogliere i suoi pensieri in un diario personale prima di addormentarsi.

Ilaria molto preoccupata le chiede di consigliarla su quell’uomo.

Malgado Luisella sia molto più giovane, è una ragazza molto matura e le suggerisce di affrontarlo faccia a faccia, per comprendere quali siano le sue vere intenzioni.

Ragionamento molto saggio quello della giovane donna!

Dopo una notte insonne, al mattino seguente, dopo avere fatto una colazione abbondante, Ilaria indossa l’abito più sfarzoso del suo guardaroba e si dirige allo studio di Jack, per affrontarlo.

Eccola giungere in taxi davanti agli studi “Gesar”.

Avanza con passo elegante e chiede del regista.

Alla sua vista, tutti rimangono stupiti.

Per anni, le copertine dei giornali sono state tempestate della sua immagine… Chi non la riconoscerebbe?

Un giovane le si avvicina e le indica la porta della stanza dell’uomo.

Ilaria bussa per ben tre volte e  non avendo risposta apre la porta per entrare.

Ciò che appare ai suoi occhi, non è certo un belvedere…

Una donna bellissima dalla chioma bionda e occhi color cielo, sta per baciarlo…

Ilaria mortificata, senza curarsi di chiudere la porta, indietreggia, volta le spalle e va via, indignata.

In quel momento avverte un colpo al cuore…

La sua anima, ora è a pezzi e si chiede come riuscirà a superare questo momento…

C O N T I N U A…

Grazia Bologna.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui