Credevo in te (Parte 14a) di Grazia Bologna

114604

Per leggere la parte precedente clicca qui:

Credevo in te (Parte 13a) di Grazia Bologna

…<<Reanto caro, io credevo in te! Mai avrei immaginato che l’uomo per cui avrei dato la mia stessa vita, che ho amato, profondamente,  potessse mancarmi di rispetto…Ti ritenevo l’uomo perfetto. Mi sono sempre fidata di te, ho sempre creduto nel tuo amore sincero, puro;  avere scoperto il tuo tradimento mi ha trafitto l’anima…
Il mio cuore langue,  urla di rabbia e al momento non riesco a perdonarti…La ferita è troppo profonda e pensare che un’altra donna ti abbia accarezzato, poggiato le sue labbra sulle tue, fatto all’amore con te, mi provoca rabbia e tanta sofferenza.
Avrei tanta voglia di scomparire, di andare su un’isola deserta per rimanere sola  con me stessa e urlare a squarciagola tutta la rabbia che ho in corpo… In un secondo ho visto crollarmi il mondo addosso. Tutto ciò che avevamo costruito, i valori della famiglia, i nostri sogni ancora da realizzare….Tutto, ormai non ha più senso, per me!>>.

Mentre Ilaria parla, gesticola, ed è evidente che ha la mente offuscata.

Parla, parla e in alcuni momenti balbetta per trattenere le lacrime.

E’ talmente adirata che non si rende conto di avere alzato il timbro della voce, da attirare l’attenzione della gente presente, nel locale.

Per un attimo non si ode anima viva…Il locale sembra deserto malgrado sia colmo di gente.

Si crea una sorta di imbarazzo che induce Ilaria e Renato ad alzarsi e andare via.

Camminano per la strada del ritorno e non osano parlarsi.

Eccoli finalmente sopraggiungere al portone…

Renato, dopo averla vista entrare, senza rivolgerle parola, indietreggia, e si dirige verso la sua macchina.

Cerca le chiavi nella tasca del cappotto e purtroppo non ci sono.

Non ha alcuna intenzione di passare la notte in casa…L’aria è molto pesante e così decide di chiamare un taxi per farsi accompagnare all’hotel più vicino.

Ilaria, nel frattempo, è tornata a casa…

Molto agitata, toglie il paltò  senza nemmeno spogliarsi. Va dritta in camera, si getta sul letto a pancia in giù, e priva di forze,  si addormenta.

Iris molto discreta, ma anche preoccupata, sbircia dalla porta,  e quando la vede in quello stato, decide di tefonare alla figlia per metterla al corrente della situazione…

Al mattino seguente, di buon ora, Marina va a trovare la madre.

Sono le ore 9,00 ed Ilaria non è ancora uscita dalla camera per fare colazione.

La figlia aspetta ancora qualche minuto e bussa per entrare.

Ilaria è sotto la doccia  e sente la voce di Marina che l’avvisa della sua presenza.

Dopo qualche secondo eccola innanzi alla figlia alla quale getta le braccia al collo, in senso di protezione, e scoppia in lacrime…

C O N T I N U A…

Grazia Bologna

Previous articleTornano i fotoromanzi
Next articleFilm LGBT: alcune fra le migliori pellicole sul tema.
Mi chiamo Grazia Bologna e vivo a Palermo. Affascinata sin da piccola dallo scrivere, ho rafforzato il mio “Estro Artistico” ispirandomi, soprattutto, all’Amore verso la Vita e alla Foto. Adoro tutto ciò che è arte. A volte posso rimanere ore ed ore ad ammirare un quadro ed emozionarmi. Amo viaggiare perché mi porta ad esplorare nuove culture, ma sono orgogliosa di vivere nella mia amata Sicilia che mi regala paesaggi di mare che, per me, sono un’immensa fonte d’ispirazione. Ho partecipato a vari Concorsi di Poesie e Racconti in cui ho raggiunto, per ben due volte il Podio, ed ho ricevuto varie menzioni e premi speciali. Imprenditrice in attività di Call Center, ho condotto trasmissioni televisive e radiofoniche in emittenti regionali private, trattando varie problematiche legate alla famiglia. Da Marzo 2018 collaboro con “ScrepMagazine” come Socio di Accademia Edizioni ed Eventi curando la rubrica “Racconti di Vita Vissuta” e trattando argomenti vari.

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here