Visualizza immagine di origineSergio Leone diceva che  Clint Eastwood non aveva che due espressioni: quella col cappello e quella senza il cappello.

Questa frase rimase storica perchè in effetti rappresenta un grande luogo comune sulla capacità di interprete di Eastwood, un attore che nel corso di tanti anni di carriera ha vestito personaggi diversi e caratterizzati da tante sfaccettature, spesso diretto da se stesso poi negli anni a seguire.

Una carriera lunga quella del grande Eastwood, icona  del western e del poliziesco prima  e regista prolifico poi, uno dei più grandi registi in vita possiamo anzi dire.

Protagonista di più di 60 film, regista di più di 40 pellicole, 4 Oscar: 2 per la regia e 2 come miglior film e alla carriera. Tutto questo grazie a Sergio Leone sicuramente che lo lanciò nei suoi film, ma anche grazie alle sue doti particolari e sfuggenti.

Per qualche dollaro in più e Il buono il brutto il cattivo insieme  al primo film diventano   “la trilogia del dollaro” e segnano la nascita del celebre  Spaghetti Western, un vero e proprio nuovo genere cinematografico che si diffonde anche nell’America  di John Wayne.

Dopo l’esperienza italiana Clint passa al personaggio del  ruvido Ispettore Harry Callaghan, una pietra miliare del genere poliziesco del 1971 che segna l’inizio di una celebre saga.

Visualizza immagine di origine

IL NUOVO CLINT

Per anni non compreso e sottovalutato, il successo vero e proprio  per Clint giunge più avanti e il salto di qualità arriva con i suoi film da  regista, dagli anni ’90 in poi : pellicole intense ricche di  personaggi ambigui,  conservatori e soprattutto  di antieroi.

Eastwood pone grande attenzione soprattutto al mondo femminile con una  serie  di titoli memorabili:  Hilary Swank in Million Dollar Baby è sicuramente la più famosa figura di donna da lui rappresentata e il ruolo le valse infatti l’Oscar come miglior attrice.

Ma, anche, come dimenticare la  Meryl Streep de  I ponti di Madison County , interprete di una  casalinga completamente  stravolta dall’amore giunto all’improvviso; o la ragazzina cinese di Gran Torino, piccolo capolavoro e amaro ritratto della solitudine.

Quel che è certo è che Clint Eastwood in ogni suo film ha messo tematiche importanti, svelato scomode verità (in Mistyc River col trio all star Sean Penn , Kevin Bacon e uno straordinario Tim Robbins) e trattato con dolore anche temi difficili: la pedofilia e i traumi infantili), l’orrore dei manicomi (come in Changeling  con Angelina Jolie), la disgregazione familiare, il tempo che passa inesorabile ( Gli spietati, Oscar per la regia). 

Nel 2014 esce il suo 38° film da regista: “American Sniper.” La pellicola, con protagonisti Bradley Cooper e Sienna Miller, ottiene 7 candidature all’Oscar vincendone una.  Negli anni successivi, Eastwood continua a lavorare dietro alla macchina da presa con film come “Sully”, “TheMule” e l’ultimo Richard Jewel. 

Ha comunque sempre affrontato storie forti con la sfrontatezza del suo beffardo sorriso, ma anche con la delicata visione a volte di un fanciullo (A perfect world con Kevin Costner che indossa una maschera di Casper e che cammina scalzo nei campi di grano.

Sandra Orlando

Se vuoi leggere ancora “di cinema” clicca sul link qui sotto:

https://screpmagazine.com/category/a-proposito-di-cinema/

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui