Cemento

141949

Ginevra sentiva il suo cuore di cemento, all’interno emozioni perdute nel tempo e nell’esperienza, rischiavano di rimanere rinchiuse per sempre.

Anche la mente non riusciva ad organizzare i desideri, cementificati anch’essi per tutto il non avvenuto, nello scorrere degli anni che tutto avevo disperso.

Ginevra avvertiva il peso del cemento sul cuore, la sua anima ormai sorda e sopraffatta, si pietrificava e riusciva ad avvertire solo un flebile lamento, di anima fragile incapace di combattere.

Un suono lontano, in fase di definitiva dispersione.

Giovanni, avrebbe voluto almeno bussare al suo cuore, ma le sue forze non glielo consentirono, ad ognuno il suo cemento, solitudini senza più vasi comunicanti, solitudini senza scampo.

Avrebbero potuto consumare la loro tragedia in fondo al molo, ma anche il mare non è infinito. Il tramontare del sole tolse a Ginevra ogni via di fuga, per quel giorno, mentre Giovanni giocava scampoli di vita al tavolo da biliardo.

Tommaso Cozzitorto

Clicca sul link qui sotto per leggere il mio articolo precedente:

Previous article‘Sulla soglia’: un estratto dal prossimo romanzo di Sandra Orlando
Next article“La leggenda di mezzafaccia” di Cinzia Fabretti…a cura di Anna Maria Esposito
Sono nato a Salerno, ho trascorso la mia infanzia a Sapri e vivo a Lamezia Terme dall'età di dieci anni. Laureato in Lettere moderne ad indirizzo filologico-letterario presso l'Università di Salerno con una tesi dal titolo "Cesare Beccaria e il dibattito sulla pena di morte" discussa con il prof. Valentino Gerratana. Abilitato all'insegnamento in materie letterarie, filosofia e storia, storia dell'arte, insegno Italiano, Storia e Geografia nella scuola secondaria di primo grado. Mi occupo anche di critica letteraria e di arte attraverso conferenze e presentazioni di libri. Ho scritto prefazioni a romanzi e saggi, collaboro al mensile "Lamezia e non solo" da diversi anni. Sono stato protagonista nella trasmissione televisiva Confidenze Culturali ed ho presentato la rubrica "Imagine" su Ermes TV. Per dieci anni ho curato la rassegna "DiMartedìCulturando" in un noto locale di Lamezia Terme. Ho fatto parte della Commissione Calabria "Premio la Giara" indetto dalla RAI. Ho pubblicato due libri: Palcoscenico e Along the way. Nel 2011 ho ricevuto il "Premio Anthurium" città di Lamezia Terme e successivamente il "Norman Academy" a Roma, entrambi per meriti culturali. Ho ricevuto nel dicembre scorso un riconoscimento dal Liceo Scientifico Galilei di Lamezia Terme nell'ambito del Festival della Scienza. In ambito prettamente scolastico sono stato Valutatore ed esperto in PON e POR.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here