Ci sono volti che ci accompagnano nella nostra quotidianità, personaggi che dal piccolo schermo irrompono nelle nostre vite. Uno di questi è l’istrionico Carlo Frisi, attore, imitatore, grande showman, conosciuto da tutti per i programmi televisivi, film e spettacoli teatrali in cui è stato ed è protagonista.

Carlo, che ringrazio anticipatamente per la sua disponibilità a concedermi questa intervista, disponibilità che è direttamente proporzionale alla sua bravura artistica e alla sua comunicativa con il pubblico e i suoi estimatori.

Carlo quando hai capito che la tua strada era lo spettacolo?

A 15 anni dopo i miei primi spettacoli a Rimini.

A che età hai iniziato?

Ho iniziato ad imitare a vicini di casa, avevo 7 anni, poi gli insegnanti a scuola e guardando “Alighiero Noschese In TV” mi sono dedicato anche ai personaggi famosi.

Che bambino sei stato?

Sono stato un bambino “artistico” avevo sempre voglia di recitare e scherzare.

Nel tuo curriculum televisivo ci sono Buona Domenica con Maurizio Costanzo, Fantastico 6 e 7, Serata d’Onore con Pippo Baudo, La Sigla del Processo del Lunedì di Biscardi, nel 1990 vinci la prima edizione di Stasera mi butto, programma per imitatori condotto dal grande Gigi Sabani, Ricomincio Da Due con Raffaella Carrà, Ciao weekend Con Giancarlo Magalli e 25 anni con Il Bagaglino di Pier Francesco Pingitore…a quale di questi programmi sei più legato?

E’ difficile rispondere a questa domanda, perché ognuno di loro è stato importante, certo i 25 anni al Bagaglino, metà della mia vita, rimangono nel cuore.

Qual è il personaggio che ti ha reso celebre?

Raimondo Vianello, ne aggiungo un altro Enzo Bearzot.

Qual è il Papa al quale sei artisticamente affezionato?

Giovanni Paolo II

Saresti felice se i tuoi figli seguissero le tue orme?

Felicissimo, anche loro scherzano sempre come me.

I personaggi da te imitati sono decine, qual è l’approccio allo studio di un personaggio da imitare, come inizia e come si svolge?

C’è uno studio approfondito, si inizia con la voce guardando i video dei personaggi, poi i loro tic, il loro modo di vestire ecc…

La Fase due della pandemia da coronavirus sta per iniziare, gli artisti sono una delle categorie che verrà più penalizzata, come si potrà conciliare il teatro con il distanziamento sociale, il pubblico che è fruitore dell’opera artistica come manifesterà il suo plauso?

Sinceramente è un bel problema…credo ci saranno più eventi all’aperto, ma bisogna essere fiduciosi affinché si trovi al più presto una cura specifica della malattia, la cultura è importantissima, pensate se durante questi giorni a casa non ci fossero stati la Tv, i libri, i film, i programmi comici, i documentari e tanti altri.

Hai mai pensato di aver perso occasioni importanti nella vita, non solo in campo artistico?

Dal punto di vista economico penso di si, ma il senno di poi non “paga” ….ah ah ah ah!

Pensi che il Governo stia gestendo bene questo periodo così impensabile fino a un paio di mesi fa?

Credo di si…

Manderesti i tuoi figlii ad unTalent televisivo?

Sì perchè no, io sono stato lanciato definitivamente dal primo talent della TV Fantastico 7 di Pippo Baudo e Pier Francesco Pingitore.

La tua carriera è nata per caso o manifestavi da sempre quest’inclinazione?

Come dicevo prima, manifestavo già questa predisposizione, mai avrei immaginato fino a questo punto.

Ti è mai capitato di andare in scena e far sorridere il pubblico mentre nel tuo intimo vi era sofferenza?

Grazie a Dio poche volte, nella vita bisogna andare avanti e cercare di superare anche le sofferenze, tutto passa.

La televisione, secondo me, ha impoverito il rapporto diretto con il pubblico, tu preferisci un set televisivo o una platea con spettatori emozionalmente partecipanti?

Entrambe le cose sono importanti, la Tv è la vetrina e il teatro il negozio, certamente uno spettacolo tuo con la gente che viene per te emozionalmente partecipante, non ha prezzo.

Il sito dove trovare notizie sui suoi spettacoli  è www.carlofrisi.com

Grazie Carlo, ti salutiamo con l’augurio di rivederti a teatro il più presto possibile.

Angela Amendola 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui