Angelica Loredana Anton è nata l’11 settembre 1989, a Iasi, definita la più bella città della Romania.

A 3 anni con la famiglia si trasferisce a Oteleni.

A 19 anni si è trasferita in Italia con tutta la famiglia e attualmente vive a Roma con il marito, il produttore cinematografico e giornalista, Gennaro Ruggiero e il piccolo William nato il 10 ottobre 2017.

Angelica Loredana Anton ha un curriculum scolastico variegato e di tutto rispetto.

Dopo le scuole dell’obbligo, ha studiato presso la scuola di arti e mestieri per la professione di fabbro.

Ha poi conseguito il Diploma/Master in Letteratura Comparata e il Dottorato in Scienze della Comunicazione – indirizzo Comunicazione Sociale – all’Università IASU al Campus di Lugano.

Ha inoltre i seguenti attestati:

Corso di qualificazione su Sviluppo psicomotorio del bambino: Analisi teorica delle principali tappe;

Corso di Imprenditore 2.0;

Corso gestione web site WordPress;

Corso di Psicologia: Introduzione alla comunicazione non verbale;

Corso di Psicologia, l’Arte di vivere in armonia: Tecniche per realizzare i propri obbiettivi;

Corso di Psicologia analitica;

Corso di Spagnolo avanzato;

Corso Completo di inglese;

Corso di Europrogettazione europea di base;

Corso di G.D.P.R. (Privacy normativa europea);

Corso di Docente formatore best seller;

Corso di web giornalista e web scrittura.

Insomma a leggere tutto è davvero un bel curriculum.

Angelica si racconta come da bambina fosse molto sensibile, giocherellona, curiosa con tanta voglia di apprendere. Ha sempre amato passeggiare nel verde della natura. Era come se vivesse in un mondo incantato, veniva definita un raggio di sole da chi le stava vicino.

La passione per la scrittura è nata all’età di 6 anni.

Amava scrivere, appena la sua mente elaborava un pensiero per magia le parole scorrevano come un fiume. Ancora oggi, le piace scrivere su un quaderno e non usa gli strumenti tecnologici.

Comincia anche lei come tutte le ragazzine intorno ai 10 anni a raccontarsi nel classico “diario personale” e dopo un po’ capì che non le bastava più.

Voleva scrivere storie, inventare racconti. Si iscrisse in biblioteca e ciò la rese immensamente felice. Poteva leggere dei libri ed iniziò dai libri di poesie. Fu amore a prima vista.

Si rese anche conto di amare oltre alla poesia le lingue, guardava i film in lingua originale e presto imparò oltre all’inglese. il francese e lo spagnolo.

Scrisse il primo romanzo, “Il sorriso della morte” all’età di quindici anni ma poi distrusse il manoscritto.

Nel 2016 è uscito il primo libro “La storia dell’amore” – vol. 1, una raccolta di poesie e nel 2018 il libro “Aforismi e pensieri” e poi fu il turno del romanzo da cui è tratto il film “Perchè ti amo” datato 2019.

Angelica Loredana Anton, è partita dai concorsi di bellezza e passando dai vari concorsi ‘Una ragazza per il cinema’, ‘Miss Moda Domani’, ‘Miss bella d’Italia’ e ‘Un volto per lo spettacolo’, ha conquistato “fasce e corone”, e indossando capi d’abbigliamento da fotomodella di noti brand come Chopin, Spiagge e Luna, fino ad approdare all’amato, per lei, mondo del cinema dove ha conosciuto il produttore Gennaro Ruggiero che ne ha valutato il talento e ora occupa oltre che sul set un posto importante anche nella direzione della RUGGIERO FILM PRODUCTION.

Il mitico e celebre “Max” dell’omonima rivista, creatore di molti calendari dedicate alle Dive dello spettacolo e della moda, l’ha scelta come prima testimonial del 2020 avvalendosi della collaborazione del fotografo Danilo Costantini, che ne ha esaltato la bellezza.

Angelica Loredana ha anche partecipato come co-protagonista nel film “Le Ragazze di Mario” di Cinzia Mirabella con Tosca D’Aquino, Arduino Speranza, Gianluca Magni, Martina Pinto e Veronica Rega.

Ha recitato anche in due monologhi: “Il Cuore” tratto dal film “Manuale d’amore – 1” e “L’Eros” tratto dal film “Manuale d’amore – 2”; inoltre sta finendo di girare come attrice protagonista in “La favola di Martina e Francesco” con Gennaro Ruggiero e regia di Jaime Garcia Ruiz, da cui è stato tratto il cortometraggio “E’ una vita che ti cerco”, e sempre come protagonista, “L’Ombra di Satana” regia di Anna Lola Pagnani con Gianluca Magni, Mario Massolini, Stella Alexandra Suruceanu e Dora Silva.

É anche la sceneggiatrice di “Perchè ti amo”, da un soggetto di Gennaro Ruggiero.

Ha collaborato come aiuto regista e attrice nel cortometraggio “Buon compleanno” per la regia di Valerio Matteu, in concorso al David di Donatello 2019.

Molto intensa nelle scene da lei girate, ho avuto modo di vedere alcuni suoi cortometraggi.

Sempre nel 2019 ha partecipato con il piccolo William, al videoclip musicale di Andrea Vantini dal titolo “Negli occhi delle donne”. Ha recitato come co-protagonsita del cortometraggio “Una semplice storia d’amore” per la regia di Simone Scardovi.

Sta lavorando ad altri progetti cinematografici come sceneggiatrice (Il segreto di Nora) e altri film in preparazione come attrice.

Ha partecipato a molti premi poesia:

Premio Poesia “Tra le parole e l’infinito” 2014 – 4° posto autori stranieri;

Premio Poesia “Tra le parole e l’infinito” 2017 – 2° posto autori stranieri;

Premio Targa Colosseo d’oro 2017 come scrittrice;

Premio Cartagine 2019 come attrice e scrittrice;

Special Awards Donna d’autore 2019 come scrittrice e giornalista.

Mi è capitato di incrociare Angelica davanti ad un caffè e di fare con lei due chiacchiere…

AA_Angelica cos’è per te l’amore?

ALA_L’amore è fonte di vita, è qualcosa di meraviglioso che a volte non si può spiegare. L’amore per me è tutto. L’amore è Universo, uno spazio che ti fa sentire vibrazioni e scuote milioni di emozioni. Con l’amore dentro il cuore di chiunque, il cammino è migliore. Se tutti avessimo amore dentro di noi, il Mondo sarebbe diverso e non esisterebbero più cattiverie.

AA_I sogni che avevi da bambina si sono tutti realizzati o hai ancora un sogno nel cassetto?

ALA_Da bambina sognavo di diventare una grande scrittrice fino al punto che da un mio libro fosse tratta la sceneggiatura per un film. E ancora sto lavorando per questo obbiettivo. Per ora ho iniziato a pubblicare i miei primi 3 libri e dall’ultimo libro, un romanzo dal titolo “Perché ti amo” abbiamo realizzato un film e quindi ho arricchito il mio sogno con un’altra importante arte creativa: il cinema.

AA_Sebbene giovanissima già sei mamma di uno splendido bambino e riesci egregiamente a dividere il tuo tempo tra lui e la tua professione. Hai dei superpoteri?

ALA_Non ho superpoteri, però sarebbe bello averli. Comunque ho l’aiuto di mio marito, i miei genitori e di una brava babysitter.

AA_Che effetto fa vedere la tua immagine in un calendario così prestigioso?

ALA_É stato emozionante essere scelta da Max in persona che ha delegato un Fotografo del suo Staff “Danilo Costantini” a fotografarmi. Più di 500 scatti e una bella soddisfazione che rimarrà nella storia della fotografia delle dive.

AA_Fra pochi giorni inizierà Sanremo, cosa pensi del ruolo secondario che vorrebbe dare Amadeus alle conduttrici del Festival ?

ALA_Certamente Amadeus è un professionista che ha faticato tantissimo per arrivare dov’è e quindi fa di tutto per primeggiare e non credo che sia un atteggiamento sessista ma una scelta direi semplicemente commerciale.

AA_Hai mai avuto avances non gradite durante le esperienze di lavoro?

ALA_Si purtroppo, ma ho preferito continuare a credere nelle mie capacità che prima o poi mi avrebbe aperto porte pulite senza compromessi.

AA_Cosa vorresti che cambiasse nel Mondo, cosa ti preoccupa e ti fa paura ora che sei mamma?

ALA_Vorrei che ci fosse meno ipocrisia, più attenzione ai valori umani e all’ambiente. Ciò che mi preoccupa di più è l’utilizzo ingiustificato della violenza in generale tipo, sulle donne, sui anziani e sui bambini. E quindi essendo ora anche mamma sono più preoccupata per il futuro anche di mio figlio. Tutto questo è frutto di ignoranza, poiché la cultura viene uccisa mentre, invece ne andrebbe trasmessa l’importanza alle nuove generazioni.

AA_Angelica secondo te con cosa si potrebbe dare nuove speranze per evitare frammentazioni egoismi e litigiosità tra i popoli? La poesia o l’arte in genere, potrà essere in futuro strumento di pace e fratellanza?

ALA_Prima di tutto diffondere il concetto di amore e poi come ho detto prima, l’importanza e la necessità di dare molto spazio ad attività culturali a 360°. Amore e cultura a braccetto sono il migliore antidoto contro la guerra, l’ignoranza, il razzismo, la povertà e tutto ciò che c’è di negativo. La poesia e l’arte in genere esprime qualcosa che viene dal profondo dell’anima e quindi dall’amore. L’amore è il fulcro della pace e della fratellanza.

Grazie Angelica a nome mio e di tutta la Redazione di SCREPmagazine.

Anche noi pensiamo che l’ignoranza sia il grande male del nostro Tempo, un Tempo in cui la cultura viene uccisa mentre, invece, ne andrebbe trasmessa l’importanza alle nuove generazioni.

Questo è quello che cerchiamo di fare anche noi dando un sostegno concreto e l’opportunità di mostrarsi “in un ambiente sano – virtuale e non”  a chi vuole mettersi in gioco di mostrare quello che sa e vuole fare.

Ti auguro tanta fortuna e felicità

Angela Amendola

https://www.youtube.com/watch?v=g-ZFgV_tKtg&fbclid=IwAR2-WeUdoPafjzL3okDeTyT9pfFZyQobAUcW09bQ5DBh7uuuIKZTEyo2gvYCalendario Max

1 commento

  1. Che dire? La classe non è acqua. Bella, preparata, intelligente, e brava. Degna di una carriera di successo.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui