Amore e sesso: essenzialità e accidentalità…

171653

E’ l’amore che è essenziale.
Il sesso è solo un accidente.
Può essere uguale o differente.
L’uomo non è un animale,
è una carne intelligente,
anche se a volte malata.

F. Pessoa

Quando si parla di un amplesso amoroso, sarebbe opportuno distinguere se si tratta di condivisione della carnalità oppure di altro.

Il termine amplesso deriva dal latino “amplexus” che significa  “intrecciare tutt’attorno” , quindi sembra che rimandi ad un “abbraccio avvolgente”.

Ragion per cui ci si può sentire autorizzati ad affermare che con l’amplesso non è solo la carne a toccarsi, ma si realizza la pienezza del contatto.

La sessualità si esprime attraverso uno scambio reciproco di umori, di sensazioni che coinvolgono prettamente la sfera emozionale sensitiva, per cui il piacere fisico è il fine grazie a cui si raggiunge l’appagamento delle brame del corpo.

La passione amorosa, invece, si palesa in un abbraccio che tiene legati, contemporaneamente, il sentimento e l’intimità.

Ci si serve del corpo per concretare una straordinaria complicità, ma il corpo non è il fine.

Il piacere fisico è un “complemento d’arredo”, un piccolo gradino di un progetto più ampio, di un godimento più grande che rimane anche dopo che il corpo si è liberato di fremiti e sussulti, placando la fame degli istinti.

Quando si condividono momenti di una passione amorosa, si può parlare di un amplesso aulico,  la carne diventa intelligente.

Il sesso è leggero, effimero, evanescente, mentre l’amore è pesante, consistente, pieno.

Il sesso è chimica, l’amore è poesia.

Il primo è regolato da reazioni chimiche, il secondo da affinità e corrispondenze intime.

Per una vita di coppia armoniosa c’è bisogno che l’essenziale e l’accidentale si incontrino in un rapporto dialettico di reciproca appartenenza, ma senza alcuna subordinazione.

Piera Messinese

Clicca sul link qui sotto per leggere il mio articolo precedente:

Previous article“Donna a Kabul” di Maria Cristina Adragna
Next articleTra mente e cuore
Sono nata il 13 Novembre del 1966 a Lamezia Terme, in Calabria, ove risiedo. Sono sposata ed ho una figlia. Se dovessi scegliere un attributo che possa caratterizzarmi, questo sarebbe “eclettica”. Sono “governata da uno spirito fortemente versatile” che mi dà energia, per cui mi sento letteralmente assetata di nuovi stimoli. Sono innamorata della scrittura da sempre e la mia formazione classica ha contribuito a mantenere vivo in me tale sentimento. Grazie alla passione per i classici latini e greci in primis ed in seguito agli studi universitari in Medicina e Chirurgia, ho potuto rendere creativa la mia elasticità mentale. Ma “illo tempore fu il Sommo” a rubarmi il cuore e così “Galeotta fu la Divina". Amo, quindi, leggere e scrivere e ritengo che ciò sia fondamentale per la crescita di ogni individuo. Flaubert diceva: _”Non leggete, come fanno i bambini, per divertirvi o, come fanno gli ambiziosi, per istruirvi. No, leggete per vivere.”… Sono Socia Fondatrice di “Accademia Edizioni ed Eventi”, Associazione culturale con sede a Roma che si occupa di cultura e di promuovere il talento. Scrivo su SCREPmagazine, rivista dell'Associazione, su cui curo varie rubriche.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here