Liberamente ispirata al ricordo delle campagne di Rapitalà, dove trascorsi momenti indimenticabili con amici che “ingombrano” l’anima con il loro affetto…

 VERDI E FERROSE CANCELLATE

Attinsi stupore da lievi distese,
se nulla è perfetto notai l’eccezione,
laddove mai niente avanza pretese
poichè si arricchisce di pura emozione.

Esistono luoghi in cui le finestre
non sono soltanto riquadri di legno,
ma come cornici per spighe e ginestre
carezzan le corde di un cuor che sia degno.

Se l’occhio col tempo smarrì l’innocenza
occorre aggrapparsi a ogni forma d’appiglio,
tentai di carpire una magica essenza
bramando dettagli attraverso mio figlio.

Qui crolla ogni sorta d’amara difesa,
cipressi mi sembran rifuggi per fate,
e quella selvatica strada scoscesa
conduce a ferrose e verdi cancellate. 

E oltre gli abbagli di un sole più acceso
si scorgono i tetti di case lontane, 
le piccole mani di un bimbo sorpreso
regalano ai pesci molliche di pane.

Se ancor tutto ciò fosse poi prigionia
saremmo felici di essere schiavi,
qualunque sia il prezzo di questa follia
di tal Paradiso vorrei solo le chiavi…

Lirica tratta dalla raccolta “Aliti inversi” di Maria Cristina Adragna 

Articolo precedenteFreddie Mercury : love of my life
Articolo successivo“Vivere” di Maurizio Gimigliano
Maria Cristina Adragna
Siciliana, nasco a Palermo e risiedo ad Alcamo. Nel 2002 conseguo la Maturità Classica e nel 2007 mi laureo in Psicologia presso l'Università di Palermo. Lavoro per diverso tempo presso centri per minori a rischio in qualità di componente dell'equipe psicopedagogica e sperimento l'insegnamento presso istituti di formazione per operatori di comunità. Da sempre mi dedico alla scrittura, imprescindibile esigenza di tutta una vita. Nel 2018 pubblico la mia prima raccolta di liriche dal titolo "Aliti inversi" e nel 2019 offro un contributo all'interno del volume "Donna sacra di Sicilia", con una poesia dal titolo "La Baronessa di Carini" e un articolo, scritti interamente in lingua siciliana. Amo anche la recitazione. Mi piace definire la poesia come "summa imprescindibile ed inscindibile di vissuti significativi e di emozioni graffianti, scaturente da un processo di attenta ricerca e di introspezione". Sono Socia di Accademia Edizioni ed Eventi e Blogger di SCREPmagazine.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui