Quando si è piccoli, non si ha consapevolezza della morte, del suo significato e del suo valore.

Dinnanzi a  un evento luttuoso la reazione naturale è il pianto, la disperazione, quel senso di impotenza per un ineludibile destino.

Tutti abbiamo vissuto perdite di amici, conoscenti e familiari stretti.

Io non ho mai dimenticato il vuoto che mi prese il cuore quando passò a miglior vita il mio nonno paterno che abitava con me e a cui ero molto legata.

Aveva un nome importante (così lui diceva) di cui andava fiero.

Si chiamava Ferdinando.

Io gli rassomigliavo molto nei tratti somatici: gli stessi occhi cerulei, capelli biondi, la pelle bianca, ma caratterialmente eravamo diversi in quanto lui era piuttosto riservato io, invece, estroversa.

I suoi nobili natali non lo avevano mai entusiasmato più di tanto perché quando io cercavo di avere notizie più dettagliate, si chiudeva nel silenzio.

Per lui la nobiltà non aveva alcun valore.

Io, pur condividendo il suo pensiero, cercavo di cogliere quelle sue origini altolocate nel suo modo di essere, nelle buone maniere, nella compostezza dei gesti, nel modo garbato in cui si rivolgeva a tutti, ma soprattutto nella dolcezza con cui si relazionava con me.

Non era mai stato mio compagno di giochi  proprio a causa della sua riservatezza, ma mi lasciavo incantare dalla sua saggezza e dai suoi racconti che lo portavano lontano nel tempo e che, tante volte, lo rattristavano.

C’erano i ricordi amari della prigionia in guerra e il dolore per la perdita di tante cari amici.

La guerra lo aveva segnato.

Ci sono abitudini che rimangono immutate nel tempo.

Lui sedeva a capotavola ed io sempre alla sua destra. Ancora adesso quello è rimasto il mio posto.
I suoi occhi di mare mi cercarono anche negli ultimi istanti prima di perdere la loro luce: credeva fossi il suo angelo.

Fu l’ultima volta che il nostro sguardo si incontrò.

Poi, in tutta fretta, mi allontanai per i tre giorni di lutto che allora “si teneva” in casa.

Questo verbo che ho volutamente adoperato, spiega bene come si vivesse la perdita di una persona cara.

La casa si vestiva a lutto. Ricordo che dovetti prendere le distanze da quel dolore.

Se ci rifletto, mi rendo conto che quella sofferenza è rimasta sempre con me.

Quando rimisi piede in casa, dopo tre giorni, era tutto finito, ma apparentemente.

Mia nonna aveva voluto subito togliere il suo talamo nuziale scegliendo una soluzione meno dolorosa.

Aveva deciso di dormire da sola in un piccolo lettino.

La sua camera da letto aveva perso la sua identità.

Basta davvero un attimo per perdere ciò che arricchisce e dà senso alla nostra vita.

Mia nonna si vestì di nero con il capo coperto e non tolse mai più questo colore dalla sua vita fino a che non raggiunse il buon Dio.

Mi sono sempre pentita di non essere rimasta accanto a mio nonno sul letto di morte.

Forse è giusto che ciascuno di noi cerchi di difendersi, di proteggersi dal dolore.

C’è chi vuole attraversarlo, chi lo fugge e chi, invece, lo vuole sempre accanto a sé come un segreto da custodire nel profondo cuore.

Piera Messinese

Si ringrazia Giuseppe Torcasio per il materiale fotografico.

Articolo precedenteIl primo libro di Vincenzo Bocciarelli
Articolo successivoPolignano: lu mari, lu sole, lu ventu
Piera Messinese
Sono nata il 13 Novembre del 1966 a Lamezia Terme, in Calabria, ove risiedo. Sono sposata ed ho una figlia. Se dovessi scegliere un attributo che possa caratterizzarmi, questo sarebbe “eclettica”. Sono “governata da uno spirito fortemente versatile” che mi dà energia, per cui mi sento letteralmente assetata di nuovi stimoli. Sono innamorata della scrittura da sempre e la mia formazione classica ha contribuito a mantenere vivo in me tale sentimento. Grazie alla passione per i classici latini e greci in primis ed in seguito agli studi universitari in Medicina e Chirurgia, ho potuto rendere creativa la mia elasticità mentale. Ma “illo tempore fu il Sommo” a rubarmi il cuore e così “Galeotta fu la Divina". Amo, quindi, leggere e scrivere e ritengo che ciò sia fondamentale per la crescita di ogni individuo. Flaubert diceva: _”Non leggete, come fanno i bambini, per divertirvi o, come fanno gli ambiziosi, per istruirvi. No, leggete per vivere.”… Sono Socia Fondatrice di “Accademia Edizioni ed Eventi”, Associazione culturale con sede a Roma che si occupa di cultura e di promuovere il talento. Scrivo su SCREPmagazine, rivista dell'Associazione, su cui curo varie rubriche.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui