Totò e l’invidia

169918
Stamani mi è capitato di leggere un brano in cui Totò si sofferma a parlare dell’invidia.
Egli sostiene che, a provocare questo brutto sentimento, non sia il desiderio di raggiungere una bella posizione economica, perché molto spesso agli invidiosi non manca.
La loro invidia nasce dalla consapevolezza che l’oggetto del desiderio non potrà mai essere alla loro portata.
Quello che causa l’invidia è la tua essenza, è la tua energia… le tue relazioni, il modo in cui gestisci i tuoi valori attraverso la vita etc“…
Queste le parole del principe della risata.
E ha ragione perché ciascuno di noi è costretto per tutta la vita a convivere con ciò che è dentro e fuori, ciò che è riuscito a realizzare per arricchire la propria interiorità e le relazioni con il prossimo.
Eppure sarebbe sufficiente agli invidiosi un briciolo di autostima per liberarsi da questo grigiore interiore.
È qui che, però, iniziano i dolori perché entrano in gioco le virtù e le relazioni umane che non scendono come manna dal cielo.
Se questa è l’invidia, allora, invidiosi, è il momento di aprire gli occhi, oppure “perderete ogni speranza”!
Basterebbe ricordare la punizione dantesca destinata alle anime invidiose per scegliere la luce dell’anima piuttosto che il buio del cuore.

Piera Messinese

Clicca sul link qui sotto per leggere il mio articolo precedente:

Previous articleSono solo parole…
Next articleE la vita va…
Sono nata il 13 Novembre del 1966 a Lamezia Terme, in Calabria, ove risiedo. Sono sposata ed ho una figlia. Se dovessi scegliere un attributo che possa caratterizzarmi, questo sarebbe “eclettica”. Sono “governata da uno spirito fortemente versatile” che mi dà energia, per cui mi sento letteralmente assetata di nuovi stimoli. Sono innamorata della scrittura da sempre e la mia formazione classica ha contribuito a mantenere vivo in me tale sentimento. Grazie alla passione per i classici latini e greci in primis ed in seguito agli studi universitari in Medicina e Chirurgia, ho potuto rendere creativa la mia elasticità mentale. Ma “illo tempore fu il Sommo” a rubarmi il cuore e così “Galeotta fu la Divina". Amo, quindi, leggere e scrivere e ritengo che ciò sia fondamentale per la crescita di ogni individuo. Flaubert diceva: _”Non leggete, come fanno i bambini, per divertirvi o, come fanno gli ambiziosi, per istruirvi. No, leggete per vivere.”… Sono Socia Fondatrice di “Accademia Edizioni ed Eventi”, Associazione culturale con sede a Roma che si occupa di cultura e di promuovere il talento. Scrivo su SCREPmagazine, rivista dell'Associazione, su cui curo varie rubriche.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here