L’incredibile serie Netflix tratta dal romanzo di Caleb Carr ( la più costosa della storia della Tv) racconta gli anni della Belle Epoque, anni di diseguaglianza sociale ed economica, di sfruttamento dei lavoratori, di “sogno americano” sfavillante ma, deludente nei risultati.

Un po’ thriller, un po’ gotica, la serie narra di un efferato serial killer che uccide, mangia e mutila giovani che si travestono da donne in infimi bordelli di periferia; uno stile da “Londra sherlockiana” portata negli Usa, un assetto storico con Theodore  Roosevelt, futuro Presidente,  commissario di polizia  che lotta per portare alla luce la verità.

L’arrivo dell’alienista da lui voluto segna l’inizio dell’indagine da un punto di vista nuovo : quello dello psichiatra, figura ai tempi ancora non ufficialmente riconosciuta. 

Tra i personaggi centrali, oltre al dottor Laszlo Kreizler (Daniel Brühl) , troviamo l’amico investigatore  John Moore(Luke Evans ), Sara Howard (Dakota Fanning), la prima donna poliziotta, e due ebrei esperti in criminologia.

Sotto un alone di ambiguità e di oscura inquietudine, la serie, divisa in dieci puntate, ha la potenza di un film vero e proprio e la costruzione tipicamente televisiva del narrato a episodi ma, con una sua continuità e un suo pathos.

Tematiche importanti quelle affrontate: dallo sfruttamento minorile nel lavoro e nella “vita”, alla fatica di esser donna in un ‘ epoca e in un ambiente prettamente maschili, dalla diversità nascosta e sofferta ai moti rivoluzionari in società bigotte. Lazlo è, infatti, un uomo che ama vivere controcorrente: si affida alla collaborazione di un amico che conduce una vita dissoluta, affianca a sé nell’indagine una donna, collaborano all’investigazione due criminologhi ebrei e vive in casa con un domestico di colore e una donna indiana.

Tutto rappresentato con una fedelissima ricostruzione storica veramente ammirevole per precisione di arredi, scenografia, costumi e modi di essere.

Un vero affascinante viaggio nel tempo nella lontana New York del 1896.

Sandra orlando

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui