Te ed Io come sorelle gemelle – (Parte 30a-FINE)

113459

Leggi qui la puntata precedente:

Te ed Io come sorelle gemelle – (Parte 29a)

Quella notte Nathalie ed Alain dormono insieme, colmi di emozione, tenendosi abbracciati stretti stretti ritrovandosi al mattino avvinghiati come fossero un tutt’uno…

Svegliarsi al mattino
respirare il tuo respiro,
averti al mio fianco
e guardarti dormire
dopo una notte
accoccolati,
te ed io…
Carezze, baci
abbracci a non finire.
Il tuo petto,
unico cuscino
in cui poggio
la mia testa…
Tu dolcemente
carezzi i miei capelli
tenendomi stretta a te
e mi rassicuri.
Vegli sul mio sonno
la notte,
ti preoccupi per me
di giorno…
Cosa potrei desiderar
di più?
Tu il mio amore immenso…

Da allora i due innamorati cominciano una nuova vita.

Alain si trasferisce da lei nell’attesa di acquistare un appartamento in cui andranno a vivere dopo le nozze.

Per Nathalie è un momento strepitoso!

Il suo libro viene pubblicato dalla casa editrice  e, nel giro di poco tempo, riscuote talmente tanto successo da raggiungere anche l’Italia, in cui il livello di vendite è molto alto.

Nathalie comincia a viaggiare, percorre vari luoghi per la presentazione del suo libro, portando con sè anche Alain.

Un avvenimento molto importante la conduce a Venezia, la città degli innamorati, dove vince il premio Nobel per il miglior romanzo dell’anno.

In quell’occasione, visita la magnifica città, anche chiamata la “Serenissima”, nome che a parere di Nathalie le si addice benissimo per la quiete che vi regna.

La donna è talmente affascinata dalla bellezza di quel luogo d’incanto che se ne innamora, e non riesce a trattenersi dall’acquistare un appartamento i cui balconi hanno la vista sul Ponte dei Sospiri, dove si vedono passare i gondolieri che trasportano le coppiette in gondola.

In fondo, il suo tenore di vita è migliorato!

Adesso vive agiatamente da permettersi abiti firmati, gioielli e tanto d’altro.

Venezia diventerà, per lei, luogo d’ispirazione in cui potrà scrivere serenamente.

I preparativi per le nozze, dopo mesi,  sono finalmente giunti a termine e giungono al fatidico giorno in cui si avvieranno all’altare per il fatidico ”SI”.

La Chiesa è agghindata di addobbi floreali e piante; oltre agli invitati intervengono innumerevoli fans da ogni luogo, per la maggiore Donne, che provengono da ovunque, per ammirare Nathalie nella sua più sfolgorante bellezza.

Ecco sopraggiungere gli sposi sui rispettivi destrieri….Sono bellissimi!

Tutti rimangono stupiti…Che belvedere!

Ad un tratto Alain avanza più velocemente e si reca all’altare per attendere la sposa.

La Donna scende da cavallo e avanza sul tappeto verde del prato, per dirigersi verso la Chiesa.

Eccola sopraggiungere bellissima e radiosa…Un grande applauso l’accompagna lungo il tragitto fino all’altare dove raggiunge Alain.

Improvvisamente tutti si zittiscono…Il Prete comincia a celebrare il rito del Matrimonio.

Si scambiano le promesse, gli anelli e finalmente “Sposi” …Lo Sposo può baciare la Sposa!

Da quel momento vivono una vita felice.

Malgrado la sua vita colma di impegni, Nathalie, periodicamente si reca a Venezia dove scrive storie fantastiche che ogni giorno la renderanno sempre più famosa… Dalla loro unione nascono due figlie: Ornella e Giada…Adorabili!

La loro quotidianità si svolge in una tenuta, lontana dal traffico e dalla gente dove, spesso, i due innamorati  si concedono lunghe passeggiate a cavallo.

E come si concludono le Fiabe…”Vissero tutti felici e contenti!”

Cosa possiamo dedurre da questa storia?

Che non bisogna mai abbattersi davanti alle difficoltà della vita, qualsiasi esse siano e per raggiungere i propri obbiettivi bisogna lottare, lottare sempre usando la propria creatività e reinventarsi ogni giorno, come ha fatto la protagonista del nostro racconto.

La vita è preziosa…Le malattie, la fame, la povertà, sono le avversità delle quali bisogna avere timore.

A tutto vi è rimedio!

Guardiamo avanti e impariamo a cogliere il bello della vita… Se ci chiudiamo in noi stessi, non facciamo altro che deprimerci fino ad entrare in un tunnel dal quale sarà difficile uscirne.

Grazia Bologna
Previous article“L’amore del sole” di Pino Gaudino
Next articleL’ Asso di Coppe a Roma
Mi chiamo Grazia Bologna e vivo a Palermo. Affascinata sin da piccola dallo scrivere, ho rafforzato il mio “Estro Artistico” ispirandomi, soprattutto, all’Amore verso la Vita e alla Foto. Adoro tutto ciò che è arte. A volte posso rimanere ore ed ore ad ammirare un quadro ed emozionarmi. Amo viaggiare perché mi porta ad esplorare nuove culture, ma sono orgogliosa di vivere nella mia amata Sicilia che mi regala paesaggi di mare che, per me, sono un’immensa fonte d’ispirazione. Ho partecipato a vari Concorsi di Poesie e Racconti in cui ho raggiunto, per ben due volte il Podio, ed ho ricevuto varie menzioni e premi speciali. Imprenditrice in attività di Call Center, ho condotto trasmissioni televisive e radiofoniche in emittenti regionali private, trattando varie problematiche legate alla famiglia. Da Marzo 2018 collaboro con “ScrepMagazine” come Socio di Accademia Edizioni ed Eventi curando la rubrica “Racconti di Vita Vissuta” e trattando argomenti vari.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here