Te ed Io come sorelle gemelle – (Parte 2a)

103748

Per leggere la puntata precedente fare click sulla FOTO

Te ed Io come sorelle gemelle – (Parte 1a)

Cammina cammina, Nathalie senza meta, in quella notte piovosa e fredda.

Avrebbe tanta voglia di urlare, di piangere, ma dopo anni di solitudine, il suo cuore è diventato di ghiaccio.

Non riesce a provare le emozioni di una volta…In tutti questi anni non è riuscita a sciogliere quel gelo che ha cambiato la sua esistenza.

Malgrado abbia avuto  vari pretendenti disposti a fare pazzie per lei, è rimasta sola.

Ha preferito il silenzio, la riflessione, chiudersi nel suo ego e vivere di ricordi.

Ma proprio in questa notte accade qualcosa di straordinario che la sconvolge.

La visione di quel film, l’ha turbata…Le ha fatto comprendere di avere sprecato anni ed anni della sua esistenza a piangersi addosso.

Non cerca l’amore, a quello non crede più, ma vorrebbe vivere un po’ di leggerezza, girare il mondo, conoscere gente nuova  e riprendere a vivere.

Ma come fare? Le sue possibilità economiche, oggi, non lo permettono…

A malapena riesce a pagare affitto, luce e a nutrirsi di cibo,  a volte,  anche scadente.

<<Come fare?>>

Mentre è assorta nei suoi pensieri, ad un tratto vede una donna elegantissima e sofisticata scendere da una macchina lussuosa, vestita in modo eccentrico e provocante.

Un “baldo cavaliere” molto più giovane di lei, dopo averle aperto la portiera della macchina, si accinge ad accompagnarla davanti alla hall dell’hotel e dopo averle dato un bacio mozzafiato, va via.

<<Chi è costei? Da dove attinge questa forza, come fa ad essere così sicura di sè ed avere il privilegio di essere affiancata da un uomo così giovane, bello e magari pure ricco?>>…

“Invidia?”

No, al contrario è estasiata,  affascinata da quella donna, al punto che le piacerebbe conoscerla, farle i complimenti, essere sua amica.

Insolito per una donna poichè, si sa, fra donne si è competitive!

Il freddo incalza, si sono fatte le ore tre e Nathalie decide di rientrare.

La strada è lunga, a fatica raggiunge la sua modesta abitazione.

Mai, come in quel momento, apprezza il suo mini appartamento…Anche il letto è scomodo! Eppure  si sente invogliata  a sdraiarsi, quasi fosse fatto di morbide piume.

Prima di distendersi, si accosta al comodino in cui tiene la foto del suo amore, lo guarda con espressione dolce, lo bacia e con aria triste e sommessa, va a letto cadendo in un sonno profondo…

C O N T I N U A…

Grazia Bologna
Previous article“A volte” di Sandra Mirabella
Next articleLaga: il cane eroe di Amatrice
Grazia Bologna
Mi chiamo Grazia Bologna e vivo a Palermo. Affascinata sin da piccola dallo scrivere, ho rafforzato il mio “Estro Artistico” ispirandomi, soprattutto, all’Amore verso la Vita e alla Foto. Adoro tutto ciò che è arte. A volte posso rimanere ore ed ore ad ammirare un quadro ed emozionarmi. Amo viaggiare perché mi porta ad esplorare nuove culture, ma sono orgogliosa di vivere nella mia amata Sicilia che mi regala paesaggi di mare che, per me, sono un’immensa fonte d’ispirazione. Ho partecipato a vari Concorsi di Poesie e Racconti in cui ho raggiunto, per ben due volte il Podio, ed ho ricevuto varie menzioni e premi speciali. Imprenditrice in attività di Call Center, ho condotto trasmissioni televisive e radiofoniche in emittenti regionali private, trattando varie problematiche legate alla famiglia. Da Marzo 2018 collaboro con “ScrepMagazine” come Socio di Accademia Edizioni ed Eventi curando la rubrica “Racconti di Vita Vissuta” e trattando argomenti vari.

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here