Te ed Io come sorelle gemelle – (Parte 26a)

111631

Leggi qui la puntata precedente:

Te ed Io come sorelle gemelle – (Parte 25a)

Che notte meravigliosa, tra baci, carezze e coccole a non finire!

Anni ed anni priva di quelle emozioni.

Per un attimo Nathalie si perde nei suoi pensieri, mentre Alain si appisola abbracciato, stretto a lei.

Oramai da tempo Nathalie ha dimenticato la meravigliosa sensazione di amare ed essere amata.

Il desiderio e la forte alchimia che avverte verso Alain, non sono paragonabili a quelli che provava verso il defunto compagno…

Eh già! Questo è un pensiero che la tormenta talmente tanto da farle venire i sensi di colpa.

La storia d’amore tra lei e il suo compagno era nata tra i banchi di scuola…Amore di gioventù.

Naturalmente le emozioni tra giovani sono ben diverse da quelle vissute tra persone mature con più esperienza!

Per la prima volta, infatti,  Nathalie prova delle sensazioni uniche.

Sembra assurdo! Ma sebbene non lo conosca e non sa nulla di lui, avverte fortemente la voglia di proteggerlo e condividere, insieme a lui, tutto…Strana la vita!

E mentre Nathalie  fa le sue riflessioni e cade in un sonno profondo, al mattino seguente svegliandosi alle prime luci dell’alba, si ritrovano abbracciati, respiro con respiro, e questo è sufficiente per  accendere, in loro, una voglia matta di fare all’amore…

Tra baci e carezze a non finire, fanno colazione a letto, nudi, per ritrovarsi sotto la doccia e scambiarsi piacevoli effusioni.

Alain la desidera fortemente, non resiste alla tentazione!!!

Bramoso, affonda  le sue dita  tra la folta chioma di lei.
Con uno slancio Nathalie si avvinghia con le gambe, ai fianchi di lui, e con le braccia si aggrappa alle sue spalle massicce e robuste.
Egli dolcemente avvolge il viso della donna fra le sue mani, e comincia a baciarla con molta intensità.


L’acqua della doccia scende come perle che carezzano la loro pelle.
Sentono addosso l’ebbrezza di quell’oblio nell’intreccio dei loro corpi nudi, in spasmodici ansimi, mentre l’estasi li coglie entrambi.

Che mattinata da sballo!

Allo stremo delle forze, Nathalie ed Alain decidono di congedarsi affrontando il resto della giornata e non cessando un attimo di pensarsi e desiderarsi.

Quella notte la donna va a dormire presto…Deve riacquistare le forze per il giorno dopo, in cui dovrà impegnarsi nella trasformazione di Katrine, il personaggio da lei inventato e narrato nel racconto del suo libro,  per esaudire la curiosità di Antoine, l’editore del suo libro.

Sembra un po’ preoccupata…

Si chiede:

<< E se dovesse incontrarmi Alain, come potrei giustificarmi? Sarebbe in grado di riconoscermi?>>…

Enigma!…

C O N T I N U A…

Grazia Bologna
Previous article“A volte accade” di U. Di Stefano
Next articleUn sorriso non si può ingabbiare
Mi chiamo Grazia Bologna e vivo a Palermo. Affascinata sin da piccola dallo scrivere, ho rafforzato il mio “Estro Artistico” ispirandomi, soprattutto, all’Amore verso la Vita e alla Foto. Adoro tutto ciò che è arte. A volte posso rimanere ore ed ore ad ammirare un quadro ed emozionarmi. Amo viaggiare perché mi porta ad esplorare nuove culture, ma sono orgogliosa di vivere nella mia amata Sicilia che mi regala paesaggi di mare che, per me, sono un’immensa fonte d’ispirazione. Ho partecipato a vari Concorsi di Poesie e Racconti in cui ho raggiunto, per ben due volte il Podio, ed ho ricevuto varie menzioni e premi speciali. Imprenditrice in attività di Call Center, ho condotto trasmissioni televisive e radiofoniche in emittenti regionali private, trattando varie problematiche legate alla famiglia. Da Marzo 2018 collaboro con “ScrepMagazine” come Socio di Accademia Edizioni ed Eventi curando la rubrica “Racconti di Vita Vissuta” e trattando argomenti vari.

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here