Ci sono state tolte molte cose: la prossimità, gli abbracci, le strette di mano, i baci e persino i sorrisi…
 
Lo schermo grigio su cui siamo proiettati non trasmette più nulla nel suo palinsesto.
 
È come se all’improvviso tutti i canali attraverso cui l’essere umano veicola l’amore fossero stati oscurati.
 
Quando esco di casa mi guardo intorno e non riconosco più le persone.
 
Mi sembrano spente, tristi, tutte uguali, automi sospesi in un mondo asettico come le mascherine chirurgiche che indossano.
 
Provo a sorridere dietro il mio pezzo di stoffa colorato ma loro non mi vedono… allora faccio un cenno con la mano e tiro avanti a testa bassa portandomi la sofferenza a casa insieme alla spesa.
 
Ma un sorriso non si può ingabbiare…
 
Questo dono meraviglioso per chi lo fa e per chi lo riceve in qualche modo troverà la strada per sgattaiolare via.
 
Si tratta solo di passare il testimone allo sguardo…
 
UN SORRISO NON SI PUÒ INGABBIARE
 
Il mio sorriso è rinchiuso
tra le fibre di una maschera di stoffa
ingabbiato in un pezzo di tessuto
in cui mi sento goffa.
 
Eppure, non veduto
lui sorge lo stesso
a dispetto della prigione
in cui l’ho messo.
 
Lo puoi scorgere in una ruga
o in quella tenera piega,
proprio là
mentre tenta la fuga
svicolando verso gli occhi.
 
Intanto, senza neppure ch’io la tocchi
per miracolo una lacrima s’asciuga.
 
Superati i blocchi e gli altolà
quel sorriso ha passato il testimone
allo sguardo, che per la libertà
s’accende di passione.
 
E poi come per mistica fusione
l’anima si inebria della sua profondità.
 
Simona Riccardi@copyright2020

Articolo precedenteTe ed Io come sorelle gemelle – (Parte 26a)
Articolo successivoIntervista a Roberto Scarpetti
Simona Riccardi
Mi chiamo Simona Riccardi e sono un'appassionata di spiritualità e di crescita personale. Dopo aver conseguito la laurea in Scienze della Comunicazione e poi quella in Scienze Pedagogiche ho scelto di diventare insegnante di scuola secondaria superiore. Ho iniziato a scrivere poesie e diari fin da piccola per dar voce a quel mondo interiore che si agitava in me e di cui cominciavo già a prendere coscienza. Dopo un lungo periodo di intima trasformazione, ho recuperato l’amore per la scrittura e ho cercato di esprimere emozioni personali e universali in una silloge poetica dal titolo “Il Mondo nell’Anima”. La raccolta, pubblicata nel giugno 2018, ha ricevuto diversi premi e riconoscimenti tra cui il Premio Nazionale di Letteratura italiana contemporanea.

2 Commenti

  1. Anche questa volta , la profondità delle tue parole entrano nel cuore .. a raccontarci, con grande poesia , i sentimenti veri, autentici che , in questo periodo, ci accomunano… Complimenti

    • Grazie Stefania per le tue bellissime parole. È bello scoprire nell’altro i medesimi sentimenti che ci fanno vibrare all’unisono!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui