Leggi qui la puntata precedente:

Te ed Io come sorelle gemelle (Parte 22a)

La mattinata scorre molto velocemente.

Dopo varie prove finalmente Nathalie sceglie l’abito da indossare.

Sul letto vi è un’infinità di abiti scaraventati un po’ qua, un po’ là… La stanza è invasa di scarpe ovunque e si riesce a malapena a camminare.

Una scelta davvero difficile  per Nathalie, ma alla fine eccola bellissima con il suo abito verde dalla scollatura mozzafiato che lascia scoperto parte del seno e arriva fino alla vita.

Nella parte bassa, il vestito è drappeggiato ed accompagnato da una cintura con chiusura a gioiello.

Sono trascorsi parecchi anni da quando non ha contatti con l’editore e ci tiene a fare bella figura.

Inoltre ai tempi in cui aveva pubblicato i suoi libri, erano molto confidenti, e lui non aveva mai smesso di corteggiarla.

Indubbiamente Nathalie, negli anni, è diventata una donna molto bella ed affascinante.

Ella teme un po’ questo incontro;  per un attimo è tentata di rinunciarvi, ma poi si arma di coraggio e va.

Con il manoscritto e la borsetta si avvia, prendendo un taxi, ed eccola finalmente giungere a destinazione.

Si trova sul punto di suonare il campanello, quando all’improvviso le appare Louis, il capo redattore.

Egli la guarda e la riconosce subito.

Al contrario Nathalie, fa fatica a riconoscerlo.

Lo trova più uomo,  capelli lunghi, occhiali da vista che gli donano quell’aria da intellettuale…Niente male!

Si abbracciano gioiosamente e Louis la invita ad entrare.

Dopo vari convenevoli, Nathalie gli porge il manoscritto e lo invita alla lettura, per un parere.

Naturalmente non potrebbe leggerlo tutto di getto.

Si accinge a leggere qualche tratto della storia e dalla sua espressione, Nathalie, lo scorge molto preso.

Per un attimo, Louis, si dimentica di essere in compagnia della donna…Troppo intrigante la storia di quel libro.

Sfoglia alcune pagine e subito riesce ad interpretare la trama e l’intreccio della storia.

Si chiede da dove, Nathalie,  avesse attinto ispirazione.

Ma è talmente curioso che non tarda a  chiederlo direttamente a lei.

La donna molto impacciata, tarda a rispondergli.

Louis non ha dubbi…Percepisce che si tratta di lei medesima.

La cosa lo eccita talmente tanto, che vorrebbe conoscere l’altra parte di lei e le fa una proposta…

<<La prossima volta vieni a trovarmi vestita da Katrine ed io ti prometto che, a breve, avrai il tuo libro stampato e pubblicato…Farai tanti soldini cara…Questo racconto è un portento. Sai quante donne vorrebbero avere una doppia vita? Brava…hai colto nel segno!!!>>…

La donna, molto radiosa, non batte ciglio ed accetta.

Ma è davvero così semplice raggiungere il successo? Cosa si cela nella testa dell’editore?

C O N T I N U A…

Grazia Bologna

Articolo precedente“La casa di carta 4”
Articolo successivo“Se avessi saputo” di T. Nechita
Grazia Bologna
Mi chiamo Grazia Bologna e vivo a Palermo. Affascinata sin da piccola dallo scrivere, ho partecipato a vari concorsi di Poesie. Nell’ultimo - “Canti a lu Ventu” - dell’Aprile 2018, ho avuto un riconoscimento particolare con la mia Poesia “L’Attesa”. Imprendidtrice in attività di Call Center nel ruolo di “Guidance Counselor”, ho condotto trasmissioni televisive e radiofoniche in emittenti regionali private per trattare le varie problematiche legate alla famiglie. Da Marzo 2018 collaboro con “SCREPmagazine” curando la rubrica “Racconti di vita vissuta”.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui