Te ed Io come sorelle gemelle – (Parte 23a)

111342

Leggi qui la puntata precedente:

Te ed Io come sorelle gemelle (Parte 22a)

La mattinata scorre molto velocemente.

Dopo varie prove finalmente Nathalie sceglie l’abito da indossare.

Sul letto vi è un’infinità di abiti scaraventati un po’ qua, un po’ là… La stanza è invasa di scarpe ovunque e si riesce a malapena a camminare.

Una scelta davvero difficile  per Nathalie, ma alla fine eccola bellissima con il suo abito verde dalla scollatura mozzafiato che lascia scoperto parte del seno e arriva fino alla vita.

Nella parte bassa, il vestito è drappeggiato ed accompagnato da una cintura con chiusura a gioiello.

Sono trascorsi parecchi anni da quando non ha contatti con l’editore e ci tiene a fare bella figura.

Inoltre ai tempi in cui aveva pubblicato i suoi libri, erano molto confidenti, e lui non aveva mai smesso di corteggiarla.

Indubbiamente Nathalie, negli anni, è diventata una donna molto bella ed affascinante.

Ella teme un po’ questo incontro;  per un attimo è tentata di rinunciarvi, ma poi si arma di coraggio e va.

Con il manoscritto e la borsetta si avvia, prendendo un taxi, ed eccola finalmente giungere a destinazione.

Si trova sul punto di suonare il campanello, quando all’improvviso le appare Louis, il capo redattore.

Egli la guarda e la riconosce subito.

Al contrario Nathalie, fa fatica a riconoscerlo.

Lo trova più uomo,  capelli lunghi, occhiali da vista che gli donano quell’aria da intellettuale…Niente male!

Si abbracciano gioiosamente e Louis la invita ad entrare.

Dopo vari convenevoli, Nathalie gli porge il manoscritto e lo invita alla lettura, per un parere.

Naturalmente non potrebbe leggerlo tutto di getto.

Si accinge a leggere qualche tratto della storia e dalla sua espressione, Nathalie, lo scorge molto preso.

Per un attimo, Louis, si dimentica di essere in compagnia della donna…Troppo intrigante la storia di quel libro.

Sfoglia alcune pagine e subito riesce ad interpretare la trama e l’intreccio della storia.

Si chiede da dove, Nathalie,  avesse attinto ispirazione.

Ma è talmente curioso che non tarda a  chiederlo direttamente a lei.

La donna molto impacciata, tarda a rispondergli.

Louis non ha dubbi…Percepisce che si tratta di lei medesima.

La cosa lo eccita talmente tanto, che vorrebbe conoscere l’altra parte di lei e le fa una proposta…

<<La prossima volta vieni a trovarmi vestita da Katrine ed io ti prometto che, a breve, avrai il tuo libro stampato e pubblicato…Farai tanti soldini cara…Questo racconto è un portento. Sai quante donne vorrebbero avere una doppia vita? Brava…hai colto nel segno!!!>>…

La donna, molto radiosa, non batte ciglio ed accetta.

Ma è davvero così semplice raggiungere il successo? Cosa si cela nella testa dell’editore?

C O N T I N U A…

Grazia Bologna

Previous article“La casa di carta 4”
Next article“Se avessi saputo” di T. Nechita
Mi chiamo Grazia Bologna e vivo a Palermo. Affascinata sin da piccola dallo scrivere, ho rafforzato il mio “Estro Artistico” ispirandomi, soprattutto, all’Amore verso la Vita e alla Foto. Adoro tutto ciò che è arte. A volte posso rimanere ore ed ore ad ammirare un quadro ed emozionarmi. Amo viaggiare perché mi porta ad esplorare nuove culture, ma sono orgogliosa di vivere nella mia amata Sicilia che mi regala paesaggi di mare che, per me, sono un’immensa fonte d’ispirazione. Ho partecipato a vari Concorsi di Poesie e Racconti in cui ho raggiunto, per ben due volte il Podio, ed ho ricevuto varie menzioni e premi speciali. Imprenditrice in attività di Call Center, ho condotto trasmissioni televisive e radiofoniche in emittenti regionali private, trattando varie problematiche legate alla famiglia. Da Marzo 2018 collaboro con “ScrepMagazine” come Socio di Accademia Edizioni ed Eventi curando la rubrica “Racconti di Vita Vissuta” e trattando argomenti vari.

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here