Renato Pozzetto : 80 anni per il ragazzo di campagna

119748

Renato Pozzetto compie 80 anni. Più di mezzo secolo di carriera tra spettacoli teatrali, film, sei regie, pubblicità.

Un artista che rappresenta uno dei periodi più prolifici della comicità italiana.

È tra il ’40 e il ’50 che Pozzetto conosce Cochi diventando subito grandi amici. Ha ricordato Renato in un’intervista: “Ci annoiavamo così tanto, che cercavamo di essere simpatici per renderci meno drammatica l’esistenza. Il nostro umorismo e ‘Cochi e Renato’ sono nati così“.
Senza un soldo e col diploma di geometra, Renato arriva a Milano a metà anni Sessanta.
Qui ritrova Cochi e con lui un gruppo di ragazzi dalle idee geniali che stava  al bar Gattullo, dove cresceranno generazioni di comici  come Enzo Jannacci. 
Nel ’64 apre il Cab ’64 e Cochi e Renato si propongono fra gli artisti che si esibiscono.
C’era anche Giorgio Gaber che insegnava a Cochi a suonare la chitarra, ogni tanto anche Dario Fo e poi  Enzo Jannacci, Bruno Lauzi e Lino Toffolo.
Un gruppo di persone con  un umorismo folle, ma nuovo e un linguaggio moderno e innovativo con termini come praticamente entrato a far parte del linguaggio comune.
Una Milano irripetibile, la definisce Pozzetto, con  artisti colti, curiosi, svitati, provinciali e una voglia ardente di cambiare.
In questi anni inventa canzoni geniali come l’insuperata E la vita, la vita che lui scrive con Jannacci.
In Rai, Terzoli & Vaime fiutano la novità e Cochi e Renato vengono chiamati a Quelli della domenica (1968), Il buono e il cattivo (1972), Il poeta e il contadino (1973) e Canzonissima (1974) ; il loro è un successo che mette insieme gli snob e i popolari, una novità nello spettacolo.
Diventano famosi e nel ’74 Renato si  fa tentare anche dal cinema con Per amare Ofelia con cui vinse il Nastro d’Argento come esordiente.
Fra il ’74 e il ’79,Pozzetto gira 23 film, da Il ragazzo di campagna a Roba da ricchi, Oh Serafina di Alberto Lattuada e Sono fotogenico di Dino Risi, Nessuno è perfetto di Pasquale Festa Campanile, Da grande di Franco Amurri.
Con Il ragazzo di campagna esprime forse l’intera concezione del suo essere attore.
Il suo personaggio di campagnolo fresco e genuino, fagocitato dalla metropoli, è la rappresentazione surreale di una violenta urbanizzazione umana.
Geniale, innovativa e sempre attuale la pellicola è sicuramente da guardare oggi apprezzando l’incredibile attualità che vi si riscontra ancora.
Oggi Pozzetto festeggerà a Laveno con la sua grande famiglia, senza la moglie compagna di una vita scomparsa da un po’ e pensando ad un ritorno con l’amico Cochi o anche ad un nuovo film.
Il ragazzo di campagna potrebbe dare ancora qualche input innovativo a questo nostro cinema in cui le idee stentano a brillare per originalità.

Sandra Orlando 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here