“Remote possibilità” di Tommaso Cozzitorto

143265

Un lungomare,
Una vita,
Un mare in tempesta,
Si abbattono le onde
Su Esseri in cammino,
Ognuno
Con la propria pena
Racchiusa nel cuore.
Invisibili
Sbarre d’acciaio.
 Possibilità remote,
Vetri Frantumati,
Occhi senza luce.
Tormenti e sorrisi,
Fragilità in vetrina,
Attese consumate.
Amati dubbi,
Il dubbio del fiore,
Remote possibilità.

Tommaso Cozzitorto

Clicca sul link qui sotto per leggere il mio articolo precedente:

Previous articleBellezza che nasce…dal dolore
Next article“Pensa chi ci sugnu” di Maria Cristina Adragna
Sono nato a Salerno, ho trascorso la mia infanzia a Sapri e vivo a Lamezia Terme dall'età di dieci anni. Laureato in Lettere moderne ad indirizzo filologico-letterario presso l'Università di Salerno con una tesi dal titolo "Cesare Beccaria e il dibattito sulla pena di morte" discussa con il prof. Valentino Gerratana. Abilitato all'insegnamento in materie letterarie, filosofia e storia, storia dell'arte, insegno Italiano, Storia e Geografia nella scuola secondaria di primo grado. Mi occupo anche di critica letteraria e di arte attraverso conferenze e presentazioni di libri. Ho scritto prefazioni a romanzi e saggi, collaboro al mensile "Lamezia e non solo" da diversi anni. Sono stato protagonista nella trasmissione televisiva Confidenze Culturali ed ho presentato la rubrica "Imagine" su Ermes TV. Per dieci anni ho curato la rassegna "DiMartedìCulturando" in un noto locale di Lamezia Terme. Ho fatto parte della Commissione Calabria "Premio la Giara" indetto dalla RAI. Ho pubblicato due libri: Palcoscenico e Along the way. Nel 2011 ho ricevuto il "Premio Anthurium" città di Lamezia Terme e successivamente il "Norman Academy" a Roma, entrambi per meriti culturali. Ho ricevuto nel dicembre scorso un riconoscimento dal Liceo Scientifico Galilei di Lamezia Terme nell'ambito del Festival della Scienza. In ambito prettamente scolastico sono stato Valutatore ed esperto in PON e POR.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here