Le donne sono come una mano di carte a poker…

Bisogna ricordarsi che la “Q” si trova fra il “J” e il “K”…

Se hai una buona mano e fai “Cip” o “Passo”, ci sarà sempre un altro giocatore, al tavolo, pronto a rischiare il tutto per tutto!

Perché anche le carte sono un po’ come le donne: se non rischi, bleffi o passi…

Finiscono in altre mani per far “Poker”!

E non ci sarà tanto da ridere, soprattutto se il piatto era di tutto rispetto…

Articolo precedente“Donna” di T. Nechita
Articolo successivo“Anima” di Federica Rainaldi
Maria Luana Ferraro
Sono Maria Luana Ferraro, consulente aziendale e mi occupo anche di finanza personale. I calcoli sono il mio lavoro, le parole la mia passione. Fin da bambina, anziché bambole e pentoline, chiedevo libri, quaderni e penne. A sei anni ho ricevuto la mia prima macchina da scrivere. Appassionata di letteratura italiana e straniera, il mio più grande sogno è sempre stato diventare giornalista. Sogno che, piano, si sta realizzando. Socia fondatrice della “Associazione Accademia & Eventi”, da agosto 2018 collaboro con “SCREPMagazine” curando varie rubriche ed organizzando eventi. Fare questo mi permette di dare risalto a curiosità e particolarità che spesso sfuggono. Naturalmente, in piena coerenza con ciò che è il mio modo di interpretare la vita…eccolo: “Quando la mente è libera di spaziare, i confini fisici divengono limiti sottili, impercepibili. Siamo carcerieri e carcerati di noi stessi. Noi abbiamo le chiavi delle nostre manette. La chiave è la conoscenza: più conosci, più la mente è libera da preconcetti e ottusità. Più la mente è aperta, più si ha forza e coraggio così come sicurezza. Forza, coraggio e sicurezza ti spingono a tentare l’impossibile affinché divenga possibile.”

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui