Al mattino
come fosse un gomitolo
stocchiamo il filo
dei sogni non ancora lontani.

La realtà felina
gioca e si diverte
rotolando felice
su quei labili ricordi.

Ma quando tornerà la notte
alla luna chiederemo meno pensieri
per sfilare da quella matassa
letti di sogni su cui riposare.

Intrecceremo ancora la trama
delle più belle favole
da raccontare, a noi che,
muniti di un’anima,
amiamo vivere
tra le meravigliose maglie della fantasia…

Federica Rainaldi

Articolo precedentePoker di Q
Articolo successivo“Ruberò” di Antonella Ariosto
Federica Rainaldi
Sono Federica Rainaldi. Scrivo per passione, ma non sono una scrittrice. Ho frequentato il Liceo Scientifico solo per capire che la mia strada era un'altra. Ho perseguito, infatti, la laurea in Scienze dell'Educazione perché sono sempre stata affascinata da tutto ciò che riguarda la sfera emotiva, emozionale e soprattutto umana di ogni uomo. Amo leggere, fotografare angoli di Mondo e scrivere specie poesie; i miei versi, spesso ma non sempre, raccontano la bellezza della mia Terra d'Abruzzo. Mi diletto anche nella formulazione di aforismi e riflessioni personali.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui