Nuòvi incóntri sull’Olimpo pér Fumìna é Švèlto

145487
Abbiamo lasciato i nòstri amici in compagnia di una rana,
méntre Artemide si allontana.
La rana comincia a saltellàre,
Švèlto inevitabilménte a pedinàre.
Fumìna è prónta ad un nuòvo inseguiménto,
ché porterà ad un nuòvo avveniménto.
Sóno giunti ad un giardìno fioràto,
è così luminóso da sembrare doràto.
La rana ha raggiunto una fanciulla,
la sua bellézza tutto annulla.
Švèlto né è rimasto incantàto,
il sùo pensièro è annientato.
Tocca a Fumìna presentarsi,
é dall’impaccio districarsi.
Óra hanno incontrato Flòra la Dèa délla Primavèra,
ché cón i suoi colóri tutto rallegra.
Flòra óra la sua stòria ci racconta,
é cón la sua vóce soàve ci incanta.
“Un giórno di Primavèra, méntre la fanciulla cammina spensierataménte,
Zefiro la vede é sé né innamora perdutaménte.
Si unisce a lei in matrimònio é cóme dimostrazióne d’amóre,
decide di farla regnare sui fióri di giardini é campi cón il suo ardóre.”
Nél ciclo délle stagióni, la Primavèra,
è la rinascita ché si avvera.
Flòra ci invita ad apprezzarla,
é cón rispetto pér la Natùra a migliorarla.
di Simona Trunzo

Clicca sul link qui sotto per leggere il mio articolo precedente:

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here