Non sono diffidente…

0
150190

Timeo Danaos et dona ferentes

(Temo i Greci anche quando recano doni)

Sono queste le parole che Virgilio (Eneide II, 49) fece pronunciare a Laocoonte.

Quando i Greci presentarono in dono ai Troiani il cavallo di legno, progettato da Ulisse per poter sferrare l’attacco finale dall’interno delle mura della città, Laocoonte, veggente e gran sacerdote, insieme a Cassandra, si mostrò diffidente ad accogliere nella città il cavallo di legno lasciato dai Greci.

Laocoonte si oppose e scagliò la sua lancia contro l’impalcatura del cavallo.

La dea Atena, protettrice dei Greci, palesò tutta la sua ira scatenandogli contro i serpenti marini, Porcete e Caribea, che avvolsero il sacerdote e i suoi figli, strangolando il primo e divorando i due bambini.

La famosa frase si ripete, spesso scherzosamente, quando si vuole esprimere diffidenza verso chi non viene considerata una persona amica, e che offre la sua amicizia.

“La diffidenza fu foriera della disfatta”

Il principe della risata, Totò, per sdrammatizzare, direbbe, invece, che “la diffidenza rende tristi“.

E non avrebbe tutti i torti.

Le persone diffidenti hanno lo sguardo malinconico, sono guardinghe, non oltrepassano la soglia della propria corazza all’interno della quale si muovono con sicurezza, sentendosi protette.

Io, fortunatamente, non sono diffidente. Non lo sono per indole perché non mi piace lasciare il mio cuore in balia di oscuri sospetti, vederlo attraversato da mille dubbi, tormenti, ansie.

In verità preferisco andare incontro alla vita con una sorta di ingenuità sentimentale, se così si può dire, senza timori, senza mai nascondermi, senza alcuna volontà pregiudiziale.

I miei occhi cercano di guardare la realtà con uno spirito di accoglienza, accettandola nella sua interezza, avendo premura non di denudarla, bensì di trovare con essa punti di contatto, per realizzare soluzioni di continuità, mai distanze, vuoti, fratture.

La diffidenza, la mancanza di fiducia innesca una serie di meccanismi psicologici che portano al confinamento, alla solitudine ed è forse il modo più semplice per limitare la nostra conoscenza, per non aprirci al mondo, per non dare spazio alla nostra libera espressione di pensieri, parole e gesti.

Ciò non significa che la mia disponibilità ad accogliere non sia stata mai messa a dura prova, anzi più volte è stata minacciata, con il rischio che potesse essere seriamente compromessa.

Perdere la fiducia può anche rivelarsi pericoloso poiché si rischia di creare soprattutto una rottura nel dialogo con se stessi, mettendo a rischio la propria autostima.

Buona parte delle volte si è diffidenti per paura di essere traditi nella fiducia e andare incontro, quindi, a delusioni. Però è impensabile che si possa essere arrendevoli dinnanzi alle insidie del vivere.

Le delusioni sono sempre dietro l’angolo, lo sappiamo bene…

E le corazze servono solo a limitare il nostro raggio d’azione, a confinarci nel nostro microcosmo ovattato, a non aprirci a nuovi orizzonti.

Piera Messinese

Si ringrazia Giuseppe Torcasio per il materiale fotografico.

Clicca il link qui sotto per leggere il mio articolo precedente:

Previous articleArriva Maggio
Next articleA proposito di Cinema…
Sono nata il 13 Novembre del 1966 a Lamezia Terme, in Calabria, ove risiedo. Sono sposata ed ho una figlia. Se dovessi scegliere un attributo che possa caratterizzarmi, questo sarebbe “eclettica”. Sono “governata da uno spirito fortemente versatile” che mi dà energia, per cui mi sento letteralmente assetata di nuovi stimoli. Sono innamorata della scrittura da sempre e la mia formazione classica ha contribuito a mantenere vivo in me tale sentimento. Grazie alla passione per i classici latini e greci in primis ed in seguito agli studi universitari in Medicina e Chirurgia, ho potuto rendere creativa la mia elasticità mentale. Ma “illo tempore fu il Sommo” a rubarmi il cuore e così “Galeotta fu la Divina". Amo, quindi, leggere e scrivere e ritengo che ciò sia fondamentale per la crescita di ogni individuo. Flaubert diceva: _”Non leggete, come fanno i bambini, per divertirvi o, come fanno gli ambiziosi, per istruirvi. No, leggete per vivere.”… Sono Socia Fondatrice di “Accademia Edizioni ed Eventi”, Associazione culturale con sede a Roma che si occupa di cultura e di promuovere il talento. Scrivo su SCREPmagazine, rivista dell'Associazione, su cui curo varie rubriche.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here