Natale, tempo di speranza…

221952
Il mio Natale è sempre stato felice perché era la festa della famiglia, l’incontro con gli zii, i cugini, i nonni, tutti insieme a presenziare durante le festività natalizie.
Era il Natale delle lunghe tavolate imbandite e colorate di rosso che sembrava non finissero mai, dove i due capotavola potevano incontrarsi solo con un saluto da lontano.
Era un rumore di stoviglie, era un vociare confuso, un carosello di pietanze, dalla carne al pesce, dalle noci ai turduni, dalla pignolata alle crucette, alla frutta secca e, dulcis in fundo, la fetta di panettone con lo spumante.
Si intrecciavano i dialoghi fra i commensali, tra risa e schiamazzi. E non poteva mancare la tombolata con le bucce di mandarino per coprire le cartelle e i giochi con le carte napoletane fino alle prime luci dell’alba.
Non ci si muoveva dalla tavola perché si mangiava in continuazione.
La vigilia di Natale era la notte più magica dell’anno.
C’era un piccolo albero di Natale sotto cui si trovavano i doni per i più piccoli e allo scoccare della mezzanotte iniziava la processione verso il Presepe per rendere omaggio alla nascita del Re dell’Universo e deporre il Bambinello nella sua umile dimora, mentre tutti intonavamo un canto e ci si abbandonava ad un silenzioso pianto.
Era la zia più grande che ci invitava a stringerci attorno alla nascita di Gesù che nasceva nelle nostre vite e nel mondo intero.
Un momento toccante che aspettavamo con ansia e che rappresentava per i bambini anche una condivisione goliardica.
E poi ci cercavamo tutti con gli sguardi e ci abbracciavamo.
Eravamo in tanti e il momento dell’abbraccio era interminabile ed emozionante.
E la strenna natalizia e i canti e i balli della tradizione calabrese… e la festa non finiva mai.
Era un Natale odoroso di semplicità, di genuinità.
Col tempo si perdono tante cose per strada e si maturano nuove consapevolezze.
In questi ultimi due anni forse abbiamo imparato che la ricchezza della nostra vita è racchiusa nella famiglia.
Sarebbe meraviglioso se il bagliore della cometa creasse un lunghissimo ponte che attraversasse il mondo e trattenesse sotto il suo mantello luminoso tutte quelle solitudini dimenticate, quelle vite spezzate, umiliate, mortificate, vite costrette a sopravvivere alla fame, alla guerra, ai soprusi, vite in perenne viaggio alla ricerca della terra promessa, vite tormentate nel corpo e nell’anima, vite a cui basterebbe una carezza, una parola di conforto.

Perché esiste troppo dolore nel mondo!

Forse è arrivato davvero il momento di fermarci un attimo e di lasciarci contagiare da questa speranza di luce.

Piera Messinese

Previous article“La rutta” di Maria Cristina Adragna
Next articleGustave Caillebotte (parte terza)
Sono nata il 13 Novembre del 1966 a Lamezia Terme, in Calabria, ove risiedo. Sono sposata ed ho una figlia. Se dovessi scegliere un attributo che possa caratterizzarmi, questo sarebbe “eclettica”. Sono “governata da uno spirito fortemente versatile” che mi dà energia, per cui mi sento letteralmente assetata di nuovi stimoli. Sono innamorata della scrittura da sempre e la mia formazione classica ha contribuito a mantenere vivo in me tale sentimento. Grazie alla passione per i classici latini e greci in primis ed in seguito agli studi universitari in Medicina e Chirurgia, ho potuto rendere creativa la mia elasticità mentale. Ma “illo tempore fu il Sommo” a rubarmi il cuore e così “Galeotta fu la Divina". Amo, quindi, leggere e scrivere e ritengo che ciò sia fondamentale per la crescita di ogni individuo. Flaubert diceva: _”Non leggete, come fanno i bambini, per divertirvi o, come fanno gli ambiziosi, per istruirvi. No, leggete per vivere.”… Sono Socia Fondatrice di “Accademia Edizioni ed Eventi”, Associazione culturale con sede a Roma che si occupa di cultura e di promuovere il talento. Scrivo su SCREPmagazine, rivista dell'Associazione, su cui curo varie rubriche.

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here