“La rutta” di Maria Cristina Adragna

208541

LA RUTTA

Lu Diu di lu martiriu
e di la paci ri lu cielu,
patruni di lu suli,
di la luna e di li stiddi,
Signuri cummigghiatu
giustu giustu ri du velu
e Idda lu quariava
cu li vrazza e li capiddi.

Stu nicu avia ricchizzi
tantu quantu l’universu,
chiossai ru ‘mperaturi
chi sazzava meli e frutta
ma iddi , assai cuntenti,
‘ nfridduluti e a tempu persu,
taliavanu l’armali
e a pagghialora nta la rutta.

Un carusittu alatu
rett’annunziu a li pastura,
vulannu ncapu casi
disperati e sutt’assediu,
e chissi, a picca a picca
si mutriaru nta i culura
d’un munnu binirittu,
runn’a tuttu c’è rimediu.

Maria Cristina Adragna

LA GROTTA

Il Dio del martirio e della pace del cielo, padrone del sole, della luna e delle stelle, Signore coperto appena appena da quel velo, e Lei lo riscaldava con le braccia ed i capelli. Questo piccino aveva ricchezze tante quante l’universo, più dell’imperatore che assaggiava miele e frutta, ma loro molto contenti, infreddoliti e a tempo perso, guardavano gli animali e la mangiatoia nella grotta. Un ragazzino alato diede annuncio ai pastori, volando sopra case disperate e sotto assedio e questi, a poco a poco, tergiversarono in mezzo ai colori di un mondo benedetto, dove a tutto c’è rimedio.

Previous articleLe infezioni del cavo orale più frequenti nei bambini
Next articleNatale, tempo di speranza…
Siciliana, nasco a Palermo e risiedo ad Alcamo. Nel 2002 conseguo la Maturità Classica e nel 2007 mi laureo in Psicologia presso l'Università di Palermo. Lavoro per diverso tempo presso centri per minori a rischio in qualità di componente dell'equipe psicopedagogica e sperimento l'insegnamento presso istituti di formazione per operatori di comunità. Da sempre mi dedico alla scrittura, imprescindibile esigenza di tutta una vita. Nel 2018 pubblico la mia prima raccolta di liriche dal titolo "Aliti inversi" e nel 2019 offro un contributo all'interno del volume "Donna sacra di Sicilia", con una poesia dal titolo "La Baronessa di Carini" e un articolo, scritti interamente in lingua siciliana. Amo anche la recitazione. Mi piace definire la poesia come "summa imprescindibile ed inscindibile di vissuti significativi e di emozioni graffianti, scaturente da un processo di attenta ricerca e di introspezione". Sono Socia di Accademia Edizioni ed Eventi e Blogger di SCREPmagazine.

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here