“Mia sorella” di Maria Cristina Adragna

144913

MIA SORELLA

Mia sorella bussò a questa porta
in un giorno lontano d’Autunno
e se ne stette da sola e paziente
ad aspettare sulla soglia
l’esito agognato della mia pronta risposta.
E con fiducia ben riposta,
in un’anima non ancor del tutto nota,
non capii in quegli istanti con chiarezza
se, consentirle di varcare i confini del cuore,
avrebbe significato abbracciare una vita di bene.
E mia sorella viene a sorreggere il peso
di un dolore dimezzato
e mi ha insegnato che, tutto ciò
che con amor si condivide,
o si trasforma in grande gioia
o rimargina le ferite di un dispiacere
un tempo taciuto.
Mia sorella non ha conosciuto
il mio sguardo da bambina,
ma è più vicina ad ogni mio
lontano pensiero
di quanto lo siano due occhi remoti
che hanno da sempre incrociato i miei per la strada
e che ne riconobbero all’istante l’incerto colore non ben definito…
Ma non hanno mai capito, capito fino in fondo.
Mia sorella passeggia per il mondo
contando i suoi anni con molto disincanto
e la sorprende un pianto se, di questo tempo infelice e tiranno,
tira le involute somme e fantastica su quello che verrà.
Ma mia sorella non sa che,
per ogni caduta ai bordi delle strade,
c’è una lauta ricompensa che ci dà
la stessa vita, che ci appiana ogni salita
e lo fa benevolmente.
E io credo fermamente
che sia un dono stare accanto
e che solleverò con forza, pertanto ,
i resti di un macigno che ormai teme la letizia,
sgretolato sotto il peso insostenibile
di sorrisi irriverenti e di una solida amicizia…

Maria Cristina Adragna

Clicca il link qui sotto per leggere il mio articolo precedente:

Previous article“L’amore inaspettato” di Maurizio Gimigliano
Next article“a tu per tu con…” le emozioni e i colori di Serena Corrao
Siciliana, nasco a Palermo e risiedo ad Alcamo. Nel 2002 conseguo la Maturità Classica e nel 2007 mi laureo in Psicologia presso l'Università di Palermo. Lavoro per diverso tempo presso centri per minori a rischio in qualità di componente dell'equipe psicopedagogica e sperimento l'insegnamento presso istituti di formazione per operatori di comunità. Da sempre mi dedico alla scrittura, imprescindibile esigenza di tutta una vita. Nel 2018 pubblico la mia prima raccolta di liriche dal titolo "Aliti inversi" e nel 2019 offro un contributo all'interno del volume "Donna sacra di Sicilia", con una poesia dal titolo "La Baronessa di Carini" e un articolo, scritti interamente in lingua siciliana. Amo anche la recitazione. Mi piace definire la poesia come "summa imprescindibile ed inscindibile di vissuti significativi e di emozioni graffianti, scaturente da un processo di attenta ricerca e di introspezione". Sono Socia di Accademia Edizioni ed Eventi e Blogger di SCREPmagazine.

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here