“Lu varveri innamuratu” di Maria Cristina Adragna

160394

La Sicilia degli anni ’50 fa da cornice a degli accadimenti ordinari ma d’impatto.

I primi amori si impongono con irriverenza per i vicoli di una cittadina del trapanese e le atmosfere remote accompagnano il lettore all’interno dei meandri di un’esperienza che coinvolge la sfera sensoriale.

Alcamo, il profumo delle fette di pomodoro che le massaie fanno essicare al sole, il latte fresco venduto per le strade gremite di ciottoli e la bottega fatiscente di proprietà di “mastru Peppi“.

“Petru”, “lu travagghiu”, “la putia” e mille pensieri smaniosi. 

Barba e capelli, forbici e brillantina, baffi sui mattoni.

E all’improvviso …

Qualcosa di più… 

LU VARVERI INNAMURATU

Mi truvava a lu travagghiu,
avia sutta a Don Taninu
e lu stava ‘nsapunannu,
quannu mi vinni na forma d’affannu.

Era estati e caria focu,
c’era arsura chiossà ancora,
un putia chiù respirari
e mi misi un pocu fora.

Era sulu e accaluratu,
mi sciusciava cu lu giurnali,
tutt’assemi vitti na cosa
e finivi di sentimi mali.

Na gran bedda picciuttedda
mi passà quasi a lu latu,
era bianca,fina e duci
e avia misu un vistitu ciuriatu.

Na lu tempu di un sicunnu
pensu a soccu putia fari,
chi si l’avissi fatta iri
un mi putiva pirdunari.

Era arzuni na du negoziu,
cu lu bisognu di travagghiari
e ci spiavi a lu patruni
si mi putia alluntanari.

Iddu chi na lu frattempo
tutti cosi avia caputu,
dissi sutta lu mustazzu:
“torna prestu, curnutazzu!”

Ia satannu comu un griddu,
fermu un mi firava a stari,
chi a du minutu, la cosa ‘mportanti,
era chidda di illa a piscari.

La firmavi, finarmenti,
avia l’occhi nivuri e vivi,
eranu lustri,tisi e vispi
e mi parsiru du alivi.

”Sugnu Petru”, ci rissi scantatu,
“haiu currutu pi la via”,
sappi di la so vuccuzza
c’a u so nomu era Lucìa.

Accussì mi fici zitu,
pi la gioia vulia cantari,
n’ta me testa già pinsava
chi m’avia a maritari.

Doppu un misi,
‘un avennu chiffari,
di matina mi ni ivi a passiari
e circannu un pocu di friscu
m’assittavi a San Franciscu.

Un m’avissi mai firmatu,
mi putia stari curcatu,
chi pi soccu vitti tannu
mi pigghiau arrè l’affannu.

Ma stavota un fu lu cavuru
chi mi fici stu malu effettu,
ma era propriu la me zita
chi mi trafiggiu lu pettu.

Era misa chi passiava
tisa e lesta pi la via,
na u frattempu ci rava la manu
a lu figghiu di Donna Maria.

Comu tuttu po’ canciari
na lu giru di un sicunnu,
comu tuttu firria tortu
e ti cari ‘ncoddu u munnu!

Me matruzza avia ragiuni,
fimminedda china di vizi…
”Cercati a una sintimintusa,
un ti ni fa nenti di li suli biddizzi!”

E si prima ti vulia beni
e t’avissi vasatu dunnegghiè,
ora scappu e ti salutu…
“Acqua pi davanti e bentu pi darrè!!!!” 

Maria Cristina Adragna

Traduzione

IL BARBIERE INNAMORATO

Mi trovavo al lavoro, stavo servendo il signor Gaetano, lo stavo insaponando, quando mi colse una sorta d’affanno. Era estate e le temperature erano caldissime, c’era un’afa incredibile, non riuscivo a respirare ed uscii un po’ fuori. Ero da solo ed accaldato, mi facevo vento con il giornale, improvvisamente ho visto qualcosa e non sono più stato male. Una gran bella fanciulla mi passò quasi a fianco, era bianca, fine e dolce ed indossava un vestito a fiori. In breve tempo ho pensato a cosa fosse stato bene fare, perché se l’avessi lasciata andar via non avrei potuto perdonare me stesso. Ero un dipendente presso quel negozio ed avevo bisogno di lavorare, ma ho domandato al padrone se fosse stato possibile allontanarmi. Quest’ultimo che nel frattempo aveva capito tutto, mi disse sotto i grandi baffi:” torna presto, malandrino!” Saltavo come un grillo, non riuscivo a stare fermo, la cosa più importante era raggiungerla. Finalmente sono riuscita a fermarla, aveva gli occhi neri e vivi, erano lucidi, intelligenti e vispi, mi parvero due olive. “Sono Pietro”, le ho detto spaventato, “Ho corso tanto per la strada”, ho saputo dalla sua boccuccia che si chiamava Lucia. Così mi sono fidandato, per la gioia avevo voglia di cantare, in cuor mio pensavo già al matrimonio. Dopo un mese, non avendo da fare, una mattina sono andato a passeggiare, ed essendo in cerca di temperature più fresche mi sono seduto a “San Franciscu” (quartiere centrale della città di Alcamo). Non l’avessi mai fatto, sarebbe stato meglio rimanere a letto, a causa di quello che ho visto sono stato colto di nuovo dall’affanno. Ma questa volta non fu il caldo a sortire questo brutto effetto bensì la mia fidanzata che trafisse il mio petto. Stava passeggiando con fare concitato per la strada e nel frattempo dava la mano al figlio della signora Maria. Come tutto può cambiare nel giro di un secondo, come ogni cosa può andar storta ed il mondo ti crolla addosso. Mia madre aveva ragione, oh ragazzina piena di vizi: ” cerca una donna colma di sentimenti, non te ne farai nulla con la sola bellezza!” E se prima ti volevo bene e ti avrei baciata ovunque, adesso scappo e ti saluto, “acqua davanti e vento dietro” ( tipico proverbio siciliano che pone in evidenza l’irreversibilità del ritorno).

Clicca sul link qui sotto per leggere il mio articolo precedente:

Previous articleUna volta la Scienza era libera
Next articleL’anima vive, la personalità sopravvive
Siciliana, nasco a Palermo e risiedo ad Alcamo. Nel 2002 conseguo la Maturità Classica e nel 2007 mi laureo in Psicologia presso l'Università di Palermo. Lavoro per diverso tempo presso centri per minori a rischio in qualità di componente dell'equipe psicopedagogica e sperimento l'insegnamento presso istituti di formazione per operatori di comunità. Da sempre mi dedico alla scrittura, imprescindibile esigenza di tutta una vita. Nel 2018 pubblico la mia prima raccolta di liriche dal titolo "Aliti inversi" e nel 2019 offro un contributo all'interno del volume "Donna sacra di Sicilia", con una poesia dal titolo "La Baronessa di Carini" e un articolo, scritti interamente in lingua siciliana. Amo anche la recitazione. Mi piace definire la poesia come "summa imprescindibile ed inscindibile di vissuti significativi e di emozioni graffianti, scaturente da un processo di attenta ricerca e di introspezione". Sono Socia di Accademia Edizioni ed Eventi e Blogger di SCREPmagazine.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here