Oggi vi condurró in un luogo affascinante in cui la fantasia sfida la realtà, inchiodandola ad un interessante confronto in uno scenario davvero suggestivo.

Dinnanzi a tutto ció per me è stato naturale, se non inevitabile, lasciare che la memoria si perdesse in un volo pindarico sino al padre della lingua italiana e al suo viaggio infernale.

Ebbene, ci troviamo a Cessaniti, un piccolo paese della provincia di Vibo Valentia, in Calabria, dove esiste un posto a cui la tradizione popolare ha dato il nome di “vucche du diavulu” (bocche del diavolo) o “vucche du ‘mpernu“(bocche dell’ inferno).

Trattasi di fori circolari, cioè di cavità che possono raggiungere anche la profondità di 40 cm.

Da qui fuoriescono delle forti correnti d’aria.

Nel corso dei secoli sono diverse le leggende che si sono tramandate.

La più famosa e accreditata vuole che queste cavità rappresentino la dimora del diavolo che, illo tempore, avrebbe divorato tutto il paese.

Ciò fornirebbe una spiegazione del perché il paese si chiami Cessaniti da ” cessau ” che significa “cessare di esistere”.

Si dice altresí che il diavolo per respirare adoperasse proprio queste cavità.

Ma vanno per la maggiore anche altre due leggende.

Sembra che in tale luogo sia vissuto un mostro di nome Lamia che si nutriva di sangue umano, mentre un’altra credenza popolare pare sostenesse la teoria della presenza di folletti rossi abbastanza cattivelli e dispettosi.

Mi piacciono questi luoghi in cui la natura cerca la complicità delle più fervide fantasie popolari e in cui il fascino del mistero sembra non darsi mai per vinto.

Piera Messinese

Articolo precedenteIl giorno sbagliato. Il nuovo film con Russell Crowe
Articolo successivoIl mistero di Villa Fortuna (Parte 4a)
Piera Messinese
Sono nata il 13 Novembre del 1966 a Lamezia Terme, in Calabria, ove risiedo. Sono sposata ed ho una figlia. Se dovessi scegliere un attributo che possa caratterizzarmi, questo sarebbe “eclettica”. Sono “governata da uno spirito fortemente versatile” che mi dà energia, per cui mi sento letteralmente assetata di nuovi stimoli. Sono innamorata della scrittura da sempre e la mia formazione classica ha contribuito a mantenere vivo in me tale sentimento. Grazie alla passione per i classici latini e greci in primis ed in seguito agli studi universitari in Medicina e Chirurgia, ho potuto rendere creativa la mia elasticità mentale. Ma “illo tempore fu il Sommo” a rubarmi il cuore e così “Galeotta fu la Divina". Amo, quindi, leggere e scrivere e ritengo che ciò sia fondamentale per la crescita di ogni individuo. Flaubert diceva: _”Non leggete, come fanno i bambini, per divertirvi o, come fanno gli ambiziosi, per istruirvi. No, leggete per vivere.”… Sono Socia Fondatrice di “Accademia Edizioni ed Eventi”, Associazione culturale con sede a Roma che si occupa di cultura e di promuovere il talento. Scrivo su SCREPmagazine, rivista dell'Associazione, su cui curo varie rubriche.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui