Lady Hamilton, ovvero, l’amante inglese

146637

“LADY HAMILTON”

Emma Lyon nacque da una famiglia modesta e la sua infanzia e adolescenza, furono abbastanza difficili a causa delle restrizioni economiche.

Soffrì molto anche a causa di un complicato rapporto amoroso, poi conobbe e sposò, nel 1791, Sir William Hamilton.

Non fu certo un matrimonio d’amore ma più di tutto, fu per lei, un modo per uscire dai legami del passato, che nulla di buono le avevano lasciato.

Inoltre questo matrimonio la legò ai fatti del Regno di Napoli, soprattutto durante la reazione borbonica contro i repubblicani, nel 1799. Il grande amore, la passione, li visse successivamente in una relazione extraconiugale, della quale il legittimo marito ne fu sempre al corrente.

Il primo incontro della donna con Horatio Nelson avvenne il 2 settembre 1798, quando la nave ammiraglia, appartenente alla flotta inglese “Vanguard”, attraccò al porto di Napoli.

Ad accogliere il Nelson, era presente solo l’ambasciatore, Lord William Hamilton, accompagnato dalla bella moglie, lady Emma, la quale si dimostrò, fin dal primo approccio, molto entusiasta di quell’incontro, tanto da buttare le braccia al collo al Nelson.

La sua bellezza indiscussa, la sua amicizia con la regina Maria Carolina e il suo ruolo come amante di Horatio, contribuirono in maniera incisiva agli eventi che portarono alla condanna a morte dei repubblicani, nel 1799.

Fece da tramite, per conto della regina Maria Carolina, convincendo Nelson a prendere la decisione di tradire gli accordi presi con il Ruffo, nella capitolazione dei patrioti repubblicani ai quali il cardinale aveva promesso la libertà in Francia.

Gli storici inglesi e americani furono durissimi nei loro giudizi, esprimendosi sul tradimento di Nelson. Il capitano inglese Foote, presente all’imbarco dei napoletani, dopo l’accordo di capitolazione, confermò l’inganno e nel suo diario scrisse che il comandante russo, Baillie, non ebbe il coraggio di restare a Napoli e assistere alla mattanza dei repubblicani che si erano fidati della sua parola.

In Piazza Mercato, a Napoli, fu innalzato il patibolo che versò sangue fino agli inizi del 1800.

Horatio Nelson, ebbe in dono il Ducato di Bronte e tornato a Londra, non riuscì più a convivere con la legittima moglie, dalla quale si separò, andando a vivere con Sir William e Lady Hamilton a Grosvenor Square.

Emma diede alla luce una bambina nel 1801 e la chiamò Horatia.

Fu regolarmente riconosciuta dall’ammiraglio come figlia legittima. La piccola però, venne affidata alle cure di una balia, tale Mrs Gibson fino alla morte di Sir Hamilton, avvenuta nel 1803. La scrittrice Leda Melluso ha dedicato a Lady Emma un buon romanzo storico, dal titolo “L’amante inglese”.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here