L’abito non fa il monaco

249634

Il viso di una persona racconta tante cose,ma spesso accade che siamo fuorviati dalla “etichetta” che noi diamo ad una persona. Tutto ciò è dovuto alla fisiognomica.

“Con il termine fisiognomica si intende la “disciplina para scientifica “che, studiando la correlazione tra il carattere e l’aspetto fisico della persona, si propone di dedurre le caratteristiche psicologiche degli individui dal loro aspetto corporeo, in particolare dai lineamenti e dalle espressioni del viso”.

Ed è successo anche a me di etichettare un personaggio televisivo: il conduttore Stefano De Martino. L’ho sempre considerato un bravo ragazzo, quando ha divorziato da Belen, mi sono schierata dalla sua parte, mi faceva quasi tenerezza, lui era così giovane.

A distanza di anni scopro che la fine del matrimonio con Belen è dovuta invece a lui. Domenica Belen ha raccontato in TV i tanti tradimenti da lei subiti negli anni di matrimonio.

Posso affermare che l’ Italia è una repubblica fondata sul gioco del calcio e sul gossip?

Ne abbiamo avuto conferma in questi ultimi anni, se pensiamo al clamore del divorzio fra Totti  e Blasi.
I panni sporchi si lavano in famiglia, è quello che succedeva un tempo.

Se c’era qualcosa che non andava lo si raccontava alle amiche, alla zia a cui si era più legati, ora invece se ne parla in tv, o al cinema senza pensare al dolore che si può arrecare a terze persone, ad esempio i figli che vedono sgretolare la propria famiglia direttamente dallo schermo.

“I panni sporchi si lavano in famiglia” è l’espressione usata per suggerire che “le liti e gli errori, devono risolversi nel loro ambiente, senza minare il prestigio esterno delle parti in conflitto”.

L’immagine è presa dalla vita familiare, in cui gli asciugamani e gli indumenti intimi andavano lavati in privato, lontani dagli occhi indiscreti.

Ora non più,anzi più una cosa è intima, più si rende pubblica, senza alcun pudore.
Ed è per questo che Belén Rodriguez e Ilary Blasi si sono raccontate ai telespettatori.

Le due donne si sono poste davanti al pubblico, sebbene vestite allo stesso modo semplicemente in camicia bianca e jeans, in modo diverso. Belén era restia nel raccontare domenica le sue vicissitudini amorose, nel salotto di ” zia Mara”.

La Blasi più spavalda,ha scelto di raccontare tutto, in un docu film su Netflix, quasi a voler distruggere la figura dell’ottavo Re di Roma, Francesco Totti. È strano pensare che due donne bellissime come Belén e Ilary sono state tradite da uomini considerati idoli dal pubblico.

Belen ha raccontato della sua depressione, racconta che non si alzava più dal letto, non apriva le finestre, non mangiava più, era arrivata a pesare 47 kg.  Stefano non ha saputo aiutarla, non ha saputo essere un marito.

Perché?

Perché non ama, o almeno non ha amato lei, è quello che lei dice.

E poi si può passare su uno “scivolone”, ma dodici sono troppi.

Dal canto suo Ilary ha raccontato nel documentario quello che Totti voleva lei facesse, lasciare il lavoro, cambiare numero telefonico e non frequentare le amiche.

Lei ha scelto la sua vita, la sua indipendenza.

La prima a parlare di tradimento in tv è stata nel 1995 Lady Diana e da allora i panni sporchi si lavano in tv davanti a milioni di telespettatori.

Ma non possiamo meravigliarci di tutto questo, i personaggi pubblici ” vendono” la loro vita privata quando l’offerta è allettante.

Angela Amendola

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here