“La nostra favola” di Maria Cristina Adragna

210665

LA NOSTRA FAVOLA

Vorrei scrivere
la nostra favola,
ma le parole
manifestano inconsistenza.

Ciascuna di esse
crea dei vuoti
di significato,
mentre il flusso dei pensieri
è interminabile ed irruente.

Per raccontare di me e di te,
dovrei aggirarmi
con il cuore in una mano,
palesando che ogni
battito di vita
muove gli echi
ridondanti del tuo nome.

Solo allora desterei
le coscienze intorpidite,
dimostrando che non tutto
è spiegabile col verbo,
di noi due ho scritto tanto,
forse bene, forse male,
ma ho bisogno
del tuo amore
per redigere il finale.

Maria Cristina Adragna

Previous articleLa lampada rosa
Next article“The Society” : da ‘Il signore delle Mosche’ distopia e fantascienza
Siciliana, nasco a Palermo e risiedo ad Alcamo. Nel 2002 conseguo la Maturità Classica e nel 2007 mi laureo in Psicologia presso l'Università di Palermo. Lavoro per diverso tempo presso centri per minori a rischio in qualità di componente dell'equipe psicopedagogica e sperimento l'insegnamento presso istituti di formazione per operatori di comunità. Da sempre mi dedico alla scrittura, imprescindibile esigenza di tutta una vita. Nel 2018 pubblico la mia prima raccolta di liriche dal titolo "Aliti inversi" e nel 2019 offro un contributo all'interno del volume "Donna sacra di Sicilia", con una poesia dal titolo "La Baronessa di Carini" e un articolo, scritti interamente in lingua siciliana. Amo anche la recitazione. Mi piace definire la poesia come "summa imprescindibile ed inscindibile di vissuti significativi e di emozioni graffianti, scaturente da un processo di attenta ricerca e di introspezione". Sono Socia di Accademia Edizioni ed Eventi e Blogger di SCREPmagazine.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here