Era un sentimento grande, una di quelle passioni travolgenti che capitano una sola volta nella vita.

Era fatto così il legame tra Ed ed Amy, lui un astrofisico molto famoso, sposato con due figli, lei una giovane donna, studente, che nel tempo libero lavorava come stuntwoman nel ruolo di controfigura cinematografica.

Galeotta fu la scienza…

e galeotto fu l’amore siderale: fu questa la “strategia di cui Cupido si servì” per colpire il cuore dei due amanti…

Si trattava di una relazione clandestina poichè l’ uomo era sposato, ma anche perchè aveva dei doveri pubblici.

Si incontravano raramente in quella casa sull’isola che era il loro nido d’amore.

Tutto il tempo che trascorrevano senza potersi guardare negli occhi, lo utilizzavano per scambiarsi frasi d’amore, messaggi ed e-mail.

Era affidato, quindi, ad una corrispondenza virtuale quotidiana il compito di mantenere viva questa loro singolare empatia intellettuale.

Ma la scomparsa improvvisa di Ed mise a dura prova questo sentimento che dovette lottare per sopravvivere.
Accadde, infatti, che, dopo la morte dello scienziato, alla donna continuassero ad arrivare messaggi ed e-mail che risultavano tutti datati il giorno della sua morte.

Il professore era un malato terminale ed aveva pensato di aver trovato il rimedio per poter lenire la sofferenza certa a cui sarebbe andata incontro la sua amante alla sua dipartita.
Aveva pensato di darle l’illusione di un legame che potesse mantenersi vitale “sine die”.
Aveva cercato solo di sfidare le leggi del tempo, di superare i limiti della condizione umana e di lasciare un segno, una traccia a colei che lo aveva amato, affinchè custodisse per sempre questo sentimento, non solamente come un ricordo.

La giovane donna cercò di capire da dove arrivassero tutti i messaggi.

Nel frattempo, però, aveva oramai maturato la consapevolezza che esistesse un filo sottilissimo, che la legasse a lui, attraverso quel loro intimo linguaggio, grazie a cui il loro amore avrebbe brillato in eterno come una stella.

Sì, perchè ” possiamo continuare a vedere le stelle morte benchè esse non esistano più.

Anzi è proprio la loro disastrosa fine a rivelarcele”.

La stella continua a vivere grazie allo sguardo di chi la osserva per questa speciale corrispondenza.

Proprio come accade allo scienziato quando cerca un contatto con ciò che non c’è più.

Piera Messinese

Articolo precedenteI miei giorni proibiti (Parte 1a)
Articolo successivoL’amore per i testi antichi di Charles Baudelaire
Piera Messinese
Sono nata il 13 Novembre del 1966 a Lamezia Terme, in Calabria, ove risiedo. Sono sposata ed ho una figlia. Se dovessi scegliere un attributo che possa caratterizzarmi, questo sarebbe “eclettica”. Sono “governata da uno spirito fortemente versatile” che mi dà energia, per cui mi sento letteralmente assetata di nuovi stimoli. Sono innamorata della scrittura da sempre e la mia formazione classica ha contribuito a mantenere vivo in me tale sentimento. Grazie alla passione per i classici latini e greci in primis ed in seguito agli studi universitari in Medicina e Chirurgia, ho potuto rendere creativa la mia elasticità mentale. Ma “illo tempore fu il Sommo” a rubarmi il cuore e così “Galeotta fu la Divina". Amo, quindi, leggere e scrivere e ritengo che ciò sia fondamentale per la crescita di ogni individuo. Flaubert diceva: _”Non leggete, come fanno i bambini, per divertirvi o, come fanno gli ambiziosi, per istruirvi. No, leggete per vivere.”… Sono Socia Fondatrice di “Accademia Edizioni ed Eventi”, Associazione culturale con sede a Roma che si occupa di cultura e di promuovere il talento. Scrivo su SCREPmagazine, rivista dell'Associazione, su cui curo varie rubriche.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui