Intervista ad Antonia Flavio poetessa e scrittrice

202566

Da diversi mesi c’è una mia conterranea, calabrese, che sta riscuotendo molto successo.

La si può definire “la poetessa che intinge la penna nell’animo”, tanto è sensibile e profonda.

L’ho incontrata nelle sua città, davanti un ottimo caffè, per intervistarla per ScrepMagazine.com.

1) Chi è Antonia Flavio?

Ancora oggi mi chiedo chi sia Antonia. Antonia da ragazza aveva tanti sogni (come la maggior parte delle ragazze). Molti li ha dovuti accantonare per diversi motivi, altri con il tempo e tanta parsimonia è riuscita a realizzarli. Oggi mi sento di dire di essere una donna forte, prima di tutto sono una madre, una moglie e una donna che sta costruendo il suo più grande sogno, scrivere libri per lasciare un’eredità, uno stralcio di emozioni per chi mi leggerà. Ho iniziato forse troppo tardi a prendere atto di questo mio sogno, ma ce l’ho fatta ed è la dimostrazione che non esiste età per farlo, ma solo determinazione e crederci, crederci tanto, fino in fondo.

2) In che modo la tua scrittura può arricchire la vita del lettore?

La mia scrittura è in prevalenza autobiografica. Non penso possa arricchire la vita dei lettori, però penso di emozionare. In diverse occasioni, anche in alcune presentazioni mi è capitato di vedere occhi lucidi e lacrime, penso che questa sia la dimostrazione più vera e sincera che ci possa essere. Dire “mi hai emozionato”! Non ha lo stesso valore di quando lo vedi. Io l’ho visto quindi, confermo che, emoziono!

3) Come è iniziata la tua passione per la poesia?

La mia passione è iniziata da ragazza, in quinta elementare con “Pianto Antico” di Carducci. Ancora oggi, dico: “è la mia poesia preferita”! A scuola, studiare letteratura, poesia e poeti non mi ha mai annoiato, anzi tutt’altro. Penso che la poesia sia come l’opera o la ami oppure la odi. Ed io l’ho amata come oggi amo scriverla.

4) Cosa rappresenta per te la poesia?

Per me la poesia è una liberazione. Attraverso lei riesco a parlare, dire ciò che sento, ciò che provo senza paure, senza timore. È il mio parlare!

5) Come rapporti la realtà che vivi alla poesia? La poesia è un tramite per vivere la realtà oppure è un punto di partenza?

Essendo la mia poesia autobiografica, è la realtà che vivo, quindi anche il mio tramite.

6) Quanto ha influenzato l’aver letto poesia sulla tua di poesia?

Non so. Alcuni poeti come Alda Merini, William Shakespeare e Neruda sono stati importanti perché in molte delle loro liriche, dei loro scritti ho provato forti emozioni, le stesse che provo quando scrivo le mie di poesie. Jerusha Akatzin ad esempio nella poesia una donna risvegliata rispecchia proprio il pensiero che ho della mia rinascita.

7) C’è un poeta in particolare che hai come punto di riferimento e che vai a rileggere ogni volta che hai bisogno di ispirazione?

No anzi, adoro scoprire e leggere sempre poeti e scrittori nuovi, anche poeti famosissimi che ho scoperto, conosciuto da poco perché mai studiati o perché stranieri, come ad esempio lo scrittore francese Julio Cortázar. La sua poesia “Il futuro” per me è meravigliosa.

8) Quanto è necessaria la poesia al mondo, al giorno d’oggi?

Non penso sia necessaria. Penso che sia più che altro fondamentale da conoscere, per avere delle basi di studio. A scuola vuoi o non vuoi, si studia. Terminati gli studi obbligatori, diventa una scelta di lettura e di scrittura.

9) A tuo avviso perché siamo più un paese di poeti che non di lettori?

Non si può essere scrittori se non c’è conoscenza. Io penso che ognuno ha dei sentimenti da tirare fuori. Il dolore, la delusione, il rimpianto, la speranza… è più facile a mio avviso scrivere di questi sentimenti che parlarne, ma la lettura e la conoscenza sono fondamentali per chiunque voglia scrivere.

10) In Echi del mare tu descrivi di amori in 58 poesie. Cos’è per te l’amore? Rinunceresti a tutto per amore?

Echi del mare non parla solo di amore. Sono 58 poesie che trattano varie tematiche: l’amicizia, l’amore, la natura e i ricordi tutte con un unico filo conduttore che è il mare. In ogni caso l’amore per me è l’essenza della vita. Non c’è vita se non c’è amore!

11) Nella presentazione del libro ”La mia vita“citi un verso di Pablo Neruda, che è per te massimo esponente di una poesia d’amore, ma per Antonia cosa è una poesia d’amore?

Come ho scritto precedentemente, l’amore è l’essenza della vita. L’amore è ciò che mi ha fatto più male, il sentimento che mi ha recato più dolore. Non parlo solo dell’amore che si prova per un uomo, ma anche quello che una madre prova per il proprio figlio, l’amore vero, unico in assoluto!

12) Siamo quasi a Pasqua come la vivrai quest’anno ? Il periodo vissuto ti ha reso più fertile nella scrittura?

Quest’anno sarà una Pasqua diversa da tutti le altre, sarà insolita, come penso che lo sarà, per la maggior parte delle persone nel mondo. Troppe perdite inaspettate sono avvenute. Per quanto mi riguarda, sarà una Pasqua di riflessione. Se mi ha reso più fertile nella scrittura? Non direi, mi verrebbe più da dire che, ha reso o meglio, sta rendendo la mia scrittura un po’ di più malinconica.

13) Per chiudere l’intervista, ci regali qualche tuo verso amato?

È tratto dalla mia poesia “Rinascere” vincitrice tra l’altro del secondo posto nel concorso Nazionale ed Internazionale dell’Associazione culturale della poesia e della letteratura. “…Sono rinata con la penna in mano, per scrivere del mio pianto e della mia gioia, per dare vita ad un sogno, per dire eccomi, ci sono, esisto!…

14)S ogni nel cassetto da realizzare?

Pubblicare un romanzo. Sarebbe per me la chiusura del cerchio perfetto!

Diario bruciato” è il nuovo libro in uscita della scrittrice cosentina Antonia Flavio. Autrice già dei libri “La mia vita i miei amori racchiusi in una poesia” ed “Echi del mare” editi da Edizioni WE di Milano.

L’ autrice è presente su Wikipoesia.

L’otto gennaio del 2020 è stata inserita nell’ Albo D’oro dei Poeti, Scrittori ed Artisti Contemporanei Italiani di Cefalù Art.
Dal primo di febbraio del 2022 è socia societaria dell’Accademia Mondiale della Poesia che ha sede a Verona.
È Iscritta all’associazione Cenacolo Letterario Italiano città di Cefalù.
Iscritta presso Associazione socio culturale “Club della poesia” città di Cosenza.
Iscritta all’Associazione Culturale GUeCI.
Iscritta all’associazione Culturale RDP di Messina.

Vincitrice di numerosi concorsi letterari tra cui:

Prima classificata al Concorso Nazionale Letteratura Espressione dell’Anima “La voce del buio” con il racconto “Se fosse stato”.

Prima classificata al Concorso Letterario Nazionale di Poesia “Luci ed Emozioni Area Cultura 2021” città di Roma.

Prima Classificata al Premio Nazionale di poesia “IO ESISTO 2020 XI Edizione nella Sezione C a tema con la poesia “Meteora” svoltosi nella città di Napoli.

Seconda classificata al 13° Concorso “Club della Poesia” con la lirica “Rinascere”, sez B poesia a tema obbligato.

Terza classificata al 5° Galà dell’amore “Romeo e Giulietta” con la lirica “Il cuore parla”.

Vincitrice del concorso Argentina-Italia dell’interscambio culturale con l’Associazione socio culturale “Club della Poesia”.

VI Concorso Internazionale di Poesia e Narrativa città di Cefalù.

Premio Speciale “Carmine Papa” con la poesia “Giovanni Falcone”.

Premio Internazionale di Poesia e Prosa Città del Galateo Antonio De Ferraris Roma ha ottenuto Encomio di Merito con la Poesia “Giovanni Falcone”.

Terza Edizione “Premio Internazionale di Poesia Morgantina” indetto dall’Accademia di Di Sicilia “Menzione D’Onore” con la poesia “Lo specchio”.

Angela Amendola 

Clicca sul link qui sotto per leggere il mio articolo precedente:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here