Incontro con l’attore Marco Leonardi

0
186920

Al via ieri pomeriggio, al Magna Graecia Film Festival di Catanzaro, le Masterclass, realizzate con il sostegno della Calabria Film Commission.
Protagonista dell’incontro, l’attore Marco Leonardi, che si racconta davanti alla platea del chiostro del San Giovanni, stimolato dalle domande di Antonio Capellupo, con la gioia negli occhi, neri e profondissimi, di chi torna a casa. L’attore, figlio del Sud Italia, con una carriera che lo ha portato a recitare, tra gli altri, anche in film pluripremiati, pellicole d’autore e serie televisive di grande successo, è infatti originario di Locri. E, tra il divertito e il compiaciuto, parla di come si meravigliò di sapere, tornando in Calabria per le vacanze, che dalle sue parti stavano girando un film. “E io non ne sapevo niente? Ho rincorso il regista per 70 km, e mi sono preso la parte”: il regista era Francesco Munzi e il film era “Anime Nere”. Quegli occhi marroni dalla grande espressività e la carnagione olivastra sono stati caratteristiche ideali e il physique du rôle per interpretare al meglio i ruoli che durante la carriera gli sono stati affidati da registi italiani e stranieri. In un piacevole amarcord, ripercorre le tappe che lo hanno portato a recitare nel film di Abel Ferrara che racconta la storia di Padre Pio.
Ci sono parti che gli hanno consentito di consacrarsi come caratterista, vestendo i panni di ragazzi complicati e risucchiati dall’ambiente della malavita – come ne “Il coraggio di parlare” di Leandro Castellani e in “Scugnizzi” di Nanni Loy -, ma c’è anche “Come l’acqua per il cioccolato”, diretto dal regista Alfonso Arau. Ma l’anno spartiacque per la carriera di Marco Leonardi è il 1988: quando ha soltanto 17 anni viene scelto da Giuseppe Tornatore per entrare nel cast di “Nuovo Cinema Paradiso”. Leonardi è un fiume in piena: parla di come è entrato nel cast di pellicole statunitensi come “C’era una volta in Messico”, di Robert Rodriguez, “Dal tramonto all’alba 3 – La figlia del boia” e “Mary”, di Abel Ferrara. Senza dimenticare Ridley Scott. “Dei film belli, come quelli di Abel Ferrara, non si parla in fila al botteghino – afferma ancora – i film belli sono quelli di cui si parla e che si ricordano ancora a distanza di anni. E sono sicuro che la pellicola su Padre Pio sarà uno di quei film”.

1-8–20225

Leggi il mio articolo precedente:

Previous articleIl lavoro…in vacanza!
Next articleVittorio Matteo Corcos (parte seconda)
Sono Maria Luana Ferraro, consulente aziendale e mi occupo anche di finanza personale. I calcoli sono il mio lavoro, le parole la mia passione. Fin da bambina, anziché bambole e pentoline, chiedevo libri, quaderni e penne. A sei anni ho ricevuto la mia prima macchina da scrivere. Appassionata di letteratura italiana e straniera, il mio più grande sogno è sempre stato diventare giornalista. Sogno che, piano, si sta realizzando. Socia fondatrice della “Associazione Accademia & Eventi”, da agosto 2018 collaboro con “SCREPMagazine” curando varie rubriche ed organizzando eventi. Fare questo mi permette di dare risalto a curiosità e particolarità che spesso sfuggono. Naturalmente, in piena coerenza con ciò che è il mio modo di interpretare la vita…eccolo: “Quando la mente è libera di spaziare, i confini fisici divengono limiti sottili, impercepibili. Siamo carcerieri e carcerati di noi stessi. Noi abbiamo le chiavi delle nostre manette. La chiave è la conoscenza: più conosci, più la mente è libera da preconcetti e ottusità. Più la mente è aperta, più si ha forza e coraggio così come sicurezza. Forza, coraggio e sicurezza ti spingono a tentare l’impossibile affinché divenga possibile.”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here