“Ho ricordato” di Maria Cristina Adragna

166287

HO RICORDATO

Oggi ho ricordato
qualche attimo remoto,
ciò che fosti
e cosa saresti stato,
l’insorgenza dei tumulti irrazionali,
la penombra che
incanala il desiderio.

E pensare che di ieri
resta il fiato,
tanto fiato dato in pasto
alle parole,
alla fine del concerto,
in un teatro,
spero sempre che
il violino suoni altrove.

Se io fossi
ancora preda dei vent’anni
correrei incontro al mare
a piedi nudi,
ma la rena incandescente
frena il passo
e il mio impeto
imbevuto di incoscienza.

Oggi ho ricordato
troppi attimi remoti,
ciò che fosti
e quello che non sei stato,
per ambire all’emozione
mai sopita
basterebbe un tempo eterno…
ci vorrebbe un’altra vita…

Maria Cristina Adragna

Clicca sul link qui sotto per leggere il mio articolo precedente:

Previous articleJack O’Lantern
Next articleL’amicizia
Siciliana, nasco a Palermo e risiedo ad Alcamo. Nel 2002 conseguo la Maturità Classica e nel 2007 mi laureo in Psicologia presso l'Università di Palermo. Lavoro per diverso tempo presso centri per minori a rischio in qualità di componente dell'equipe psicopedagogica e sperimento l'insegnamento presso istituti di formazione per operatori di comunità. Da sempre mi dedico alla scrittura, imprescindibile esigenza di tutta una vita. Nel 2018 pubblico la mia prima raccolta di liriche dal titolo "Aliti inversi" e nel 2019 offro un contributo all'interno del volume "Donna sacra di Sicilia", con una poesia dal titolo "La Baronessa di Carini" e un articolo, scritti interamente in lingua siciliana. Amo anche la recitazione. Mi piace definire la poesia come "summa imprescindibile ed inscindibile di vissuti significativi e di emozioni graffianti, scaturente da un processo di attenta ricerca e di introspezione". Sono Socia di Accademia Edizioni ed Eventi e Blogger di SCREPmagazine.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here