“Franco” di Maria Cristina Adragna

151850

Poco più di ventiquattro ore fa siamo stati tristemente catapultati nell’assunzione di una triste consapevolezza: uno straordinario percorso artistico terreno si è concluso.

Ma tutto quello che ben si sposa con i dati tangibili e meramente concreti, nulla ha a che vedere con il concetto di eternità.

L’arte, nel corso dei secoli, ha sempre donato un paio d’ali a chi ha desiderato ascendere incontro a sentieri d’altrove.

Il processo di complessa alienazione dagli umani condizionamenti si configura come un atto che riguarda esclusivamente coloro i quali riescono a percepire i messaggi di un animo che bisbiglia.

Franco Battiato elargiva amabili carezze attraverso la potenza comunicativa delle sue parole, facendo ricorso a delle sonorità particolarmente ricercate, interessanti e desuete.

Non è definibile tramite il riferimento sommario al temine “cantante” poiché, la sua personalità versatile e senz’altro caratterizzata da rarissime policromie interattive, consente di poterlo annoverare nella cerchia dei “poeti della canzone”.

Schivo dispensatore di liriche musicate, apparentemente distaccato dal comune modo di fare spettacolo, raffinatissimo interprete ed artista lungimirante.

Ebbe lo sguardo costantemente proiettato verso altre dimensioni, un’anima tendente al volto tenebroso del senziente, fu detentore di modalità di espressione che lo resero imparagonabile a chicchessia.

Franco Battiato conosceva molto bene la meta ed il senso profondo del viaggio, quello che ciascun “servitore dell’arte” compie a partire dall’analisi meticolosa del sè, quello che si protrae nel corso dell’intera esistenza e che non si esaurisce con l’ovvia fine delle scoperte terrene.

Un vero artista firma una sorta di contratto a tempo indeterminato con la bellezza cosmica, accettando il dolore scaturente dalla sua spiccata e non comune sensibilità.

E riconosce ad oltranza, nella necessaria dedizione all’universo delle emozioni, un’imprescindibile priorità che non arretra.

Franco Battiato: un affascinate filosofo del nostro tempo, un coltissimo esploratore della molteplicità dei fenomeni, un validissimo rimedio contro la pochezza del superficiale.

Lo immagino in compagnia della sua ben nota compostezza, mentre si accinge a percorrere quel breve tragitto che lo condurrà dall’altra parte dell’arcobaleno, intento a sorvolare la terra e a ricercare la luce maestra del Regno di Dio.

“Franco, sono riuscita ad individuare un interessante aspetto che ci accomuna. Entrambi conosciamo bene il profumo del vento di Sicilia. E chi ha il privilegio di respirare questo vento ha i polmoni assetati di rivalsa, di fuga costante, di impellenti ritorni. Chi ha il privilegio di respirare questo vento se ne sta in piena solitudine a guardare l’acqua salata. E non lo chiama mare…
Lo chiama immenso”…

Arrivederci…

… FRANCO

Possa tu accogliere
preci terrene,
rantoli amari
e pensieri opalescenti.

Le stelle cadenti
si fanno carezze,
galattici scorci
intercettano il desìo.

Magnifico è Dio,
somiglia a una fonte
e per troppa sete
hai offerto le labbra,
chi plana sull’arte
non abbia paura,
poiché essa è vita,
l’eterno…”La cura.”

Maria Cristina Adragna

Clicca il link qui sotto per leggere il mio articolo precedente:

Previous articleFugace incontro
Next article“Il valore di un’ape” di Simona Trunzo
Siciliana, nasco a Palermo e risiedo ad Alcamo. Nel 2002 conseguo la Maturità Classica e nel 2007 mi laureo in Psicologia presso l'Università di Palermo. Lavoro per diverso tempo presso centri per minori a rischio in qualità di componente dell'equipe psicopedagogica e sperimento l'insegnamento presso istituti di formazione per operatori di comunità. Da sempre mi dedico alla scrittura, imprescindibile esigenza di tutta una vita. Nel 2018 pubblico la mia prima raccolta di liriche dal titolo "Aliti inversi" e nel 2019 offro un contributo all'interno del volume "Donna sacra di Sicilia", con una poesia dal titolo "La Baronessa di Carini" e un articolo, scritti interamente in lingua siciliana. Amo anche la recitazione. Mi piace definire la poesia come "summa imprescindibile ed inscindibile di vissuti significativi e di emozioni graffianti, scaturente da un processo di attenta ricerca e di introspezione". Sono Socia di Accademia Edizioni ed Eventi e Blogger di SCREPmagazine.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here