Il Ferragosto è una festa antichissima.

Questo termine deriva dalla locuzione latina “Feriae Augusti”, che significa “il riposo di Augusto“.

Il primo Agosto del 30 a.C. l’esercito di Ottaviano entrò ad Alessandria d’Egitto.

Erano concluse le guerre civili e Ottaviano prese la decisione di istituire le Feriae Augusti, (riposo di Ottaviano Augusto), e lui venne proclamato “Augusto”, ovvero venerabile e sacro.

Gli fu, infatti, dedicato il mese di Agosto.

Questa festa si celebrava a fine raccolto e si trattava di una fase di riposo tra la fine dei lavori estivi nei campi e quelli autunnali.

Era stata istituita per festeggiare l’evento suddetto, ma si inseriva in un periodo in cui si celebravano altre festività.

Infatti si rifaceva in parte ai “Consualia“, le feste della religione romana dedicate a Conso, il Dio dei granai e della fertilità, celebrate durante il periodo del raccolto e la fine dei lavori agricoli (il 21 Agosto e il 15 Dicembre).

I braccianti si recavano dai padroni da cui ricevevano una mancia.

Tutti i riti si svolgevano davanti all’Ara Consi, un altare sotterraneo del Circo Massimo che, giusto in questa occasione, veniva portato in superficie.

Il 19 Agosto si celebravano anche i “Vinalia Rustica” e il “flamen dialis” doveva sacrificare a Giove un agnello affinchè propiziasse la buona riuscita della vendemmia.

C’era anche la festa dedicata alla “Dea Opi”, antica Dea Madre Consiva, sposa di Conso, principale divinità della natura e delle messi.

Nella festa di “Diana Aventina”, invece, il mondo guariva da tutte le infiustizie e dai malanimi.

Nel 21 a.C. le “Feriae Augusti” mutarono nome in “Feriae Augustales” per riunire sotto tale denominazione tutte le feste del mese.

Nel tempo il Ferragosto è diventato una festa cattolica.

Dopo la caduta dell’Impero Romano lo Stato Pontificio istituzionalizzò nel calendario tale festività.

Si tratta di una ricorrenza religiosa che si celebra il 15 Agosto per festeggiare l’Assunzione di Maria Santissima in Cielo.

Secondo i cattolici Maria fu assunta in Paradiso sia con l’anima che con il corpo, invece gli Armeni e gli Ortodossi celebrano la Dormizione, o meglio, la morte di Maria.

I protestanti non festeggiano in quanto il Vangelo non narra tale episodio.

Per noi è anche il giorno della gita fuori porta, al mare, in montagna, ecc..un momento in cui si condivide con familiari e amici, il piacere di trascorrere una giornata di festa.

Volgendo lo sguardo al passato, fu proprio il regime fascista ad organizzare “i Treni popolari di Ferragosto“, con una gita da uno a tre giorni (13,14,15 Agosto), grazie a cui, a prezzi bassissimi, gli italiani potevano fare il viaggio che avevano tanto desiderato, consumando il classico pranzo a sacco.

Non mi resta che augurare a voi tutti una serena giornata di Ferragosto, da trascorrere in compagnia dei vostri cari, amici e delle persone che meritano di godere della vostra presenza…

Piera Messinese

Articolo precedenteImmergiamoci nella Nuova Atlantide – seconda parte
Articolo successivoL’Amerigo Vespucci in Calabria
Piera Messinese
Sono nata il 13 Novembre del 1966 a Lamezia Terme, in Calabria, ove risiedo. Sono sposata ed ho una figlia. Se dovessi scegliere un attributo che possa caratterizzarmi, questo sarebbe “eclettica”. Sono “governata da uno spirito fortemente versatile” che mi dà energia, per cui mi sento letteralmente assetata di nuovi stimoli. Sono innamorata della scrittura da sempre e la mia formazione classica ha contribuito a mantenere vivo in me tale sentimento. Grazie alla passione per i classici latini e greci in primis ed in seguito agli studi universitari in Medicina e Chirurgia, ho potuto rendere creativa la mia elasticità mentale. Ma “illo tempore fu il Sommo” a rubarmi il cuore e così “Galeotta fu la Divina". Amo, quindi, leggere e scrivere e ritengo che ciò sia fondamentale per la crescita di ogni individuo. Flaubert diceva: _”Non leggete, come fanno i bambini, per divertirvi o, come fanno gli ambiziosi, per istruirvi. No, leggete per vivere.”… Sono Socia Fondatrice di “Accademia Edizioni ed Eventi”, Associazione culturale con sede a Roma che si occupa di cultura e di promuovere il talento. Scrivo su SCREPmagazine, rivista dell'Associazione, su cui curo varie rubriche.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui